giovedì 1 settembre 2016

"Ti lascio per non perderti" di Taylor Jenkins Reid

Buon pomeriggio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Ti lascio per non perderti" di Taylor Jenkins Reid, edito da Sperling&Kupfer (rilegato a 19,90€):
Innamorarsi è la parte più facile di una relazione. Il difficile viene dopo. Lo sanno bene Lauren e Ryan che, insieme da undici anni, non si sopportano più. Dopo una storia d’amore romantica al college, una proposta di matrimonio mozzafiato e tanti progetti di vita comuni, proprio non si sanno spiegare come siano arrivati ad azzuffarsi per ogni cosa, dalle bollette alla cena, dall’assicurazione dell’auto al parcheggio. Quando, poi, si rendono conto di preferire la compagnia del cane a quella del coniuge, non possono negarlo oltre: il loro matrimonio è in crisi. Incapaci di stabilire se si amano ancora oppure no, Lauren e Ryan non hanno il coraggio di divorziare; perciò decidono di prendersi una pausa di riflessione. Durata: un anno. Regole: non vedersi e non sentirsi. Per la prima volta da quando aveva diciannove anni, Lauren deve provare a vivere da sola, senza Ryan. Ed è terrorizzata, ma inaspettatamente anche libera. In questo momento di grande incertezza, attorno a lei si stringe la sua famiglia ingombrante: la nonna sprint, sempre pronta a offrire ottimi consigli, la mamma folle innamorata dell’amore, la sorella single convinta, e il fratello che sta per convolare a nozze con una ragazza che ha messo incinta nel bagno di un aereo due minuti dopo averla incontrata. Con il loro aiuto, Lauren inizia un viaggio alla riscoperta di sé e cerca di rimettersi in gioco, nella vita e in amore. Ma dopo aver imparato a stare senza Ryan, avrà ancora senso tornare da lui?

Lo ammetto: non ho mai perdonato all'autrice "Tu, io e tutto il tempo del mondo".
Come ho pianto con quel romanzo, nessuno mai.
Ma ero prontissima a scoprire un altro suo lavoro, soprattutto dopo aver avuto la garanzia che non avrei versato fiumi di lacrime. L'ho recuperato in estate e sono felicissima di averlo fatto!

Taylor Jenkisn Reid racconta quello che succede dopo il lieto fine.
Dopo il primo bacio, gli appuntamenti riusciti, l'amore sulla spiaggia, il matrimonio da sogno.
Cosa succede quando si sta insieme da tanti anni, e si vive una quotidianità fatta di discussioni e di ripicche su chi deve chiamare il tecnico della caldaia, chi deve scegliere in quale ristorante andare a cena e chi doveva ricordarsi di comprare il latte?
Cosa succede, insomma, quando passa la cotta?

Succede che si litiga. O, peggio ancora, si smette di comunicare perchè non si ha più voglia nemmeno di litigare.
Lauren e Ryan si scoprono persone molto diverse da quelle che si sono scambiate il primo bacio all'università, e i loro gusti sembrano essere diventati inconciliabili: si danno reciprocamente sui nervi, e quando sorge l'idea di separarsi per un anno all'inizio è dura, ma non così tanto come Lauren avrebbe creduto.
La donna piange, è triste e si sente sola? Assolutamente sì.
Ma la verità è che per la prima volta da più di dieci anni può rendere più colorata e femminile la stanza da letto, può ordinare la cena dal suo take-away etnico preferito (che Ryan detesta) e può gestire liberamente il suo tempo, riscoprendo se stessa e la persona che è quando non è "la moglie di Ryan".
Si scopre una donna che sa essere divertente e incoraggiante, che sa sostenere la sorella nel suo progetto di aprire una pasticceria e che riesce a recuperare un rapporto non esattamente stretto con il fratello.
L'unico problema è che, a un certo punto, Lauren se lo chiede: ha davvero bisogno di tornare con Ryan, o in fondo è più felice così?

Un romanzo profondamente vero e molto, molto schietto.
In un certo senso, Lauren e Ryan hanno effettivamente smesso di amarsi, o meglio, si sono dimenticati di continuare a farlo nel modo giusto.
Hanno lasciato che la routine e le piccole seccature quotidiane prendessero il sopravvento, e non sono stati capaci di gestire le loro differenze cercando dei ragionevoli compromessi.
Nel momento in cui si trovano soli, entrambi riescono a guardare al loro rapporto con lucidità.
Grazie a Sperling&Kupfer per la copia cartacea del romanzo <3
Ho trovato splendida l'idea dell'autrice di farci accedere ai pensieri di Lauren e Ryan attraverso le bozze di email che non spediscono, e credo che Taylor Jenkins Reid sia sta in grado di rappresentare a dovere ogni singola emozione provata dai due coniugi: rabbia, frustrazione, tristezza, nostalgia, speranza.
Lo scopriamo solo nelle ultime pagine, se Lauren e Ryan riusciranno a salvare il loro matrimonio, ma quello che conta è che di sicuro sono riusciti a salvare se stessi dal diventare due persona che non si piacciono neanche un po'.

Nota a parte: la nonna, ragazzi. La nonna di Lauren è strepitosa.
Non potrete non amarla, e non lo dico solo perchè io adoro le intrepide nonnine.

Consigliatissimo perchè Taylor Jenkins Reid racconta una storia d'amore vera e senza sensazionalismi, senza farci piangere e anzi, facendoci sorridere spesso.
Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

Nessun commento :

Posta un commento