giovedì 28 giugno 2018

"Dentro il tuo respiro" di Annamaria Bosco

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Dentro il tuo respiro" di Annamaria Bosco, edito Les Flaneurs (ebook a 2,99€):
In una fredda domenica di febbraio, nel bel mezzo del Carnevale, le strade di Luca e Isa si incrociano.
Lui, un fisico piegato dalle conseguenze di una bravata finita male e un senso di colpa enorme da gestire, per un ragazzo di ventun anni.
Lei, razionale, diligente e all'apparenza infrangibile.
Complice l’annuale festa in maschera, Luca indossa il suo travestimento e trova il coraggio di avvicinarsi alla ragazza che ama da troppo tempo.
Una presenza fatta di paure inespresse e risposte non date, che si fa strada nella vita di Isa e la sconvolge senza chiedere il permesso.
Due anime distanti celate da differenti paure. Due maschere invisibili pronte a calare.
Ma non tutti sono disposti a mettersi a nudo, soprattutto quando c'è in ballo un passato, con i suoi fantasmi, che torna a bussare.
Quale verità nascondono gli incubi che tormentano Luca?
Chi saprà scavare oltre l'apparenza e sotto la maschera?

Primo capitolo della serie Breathless, "Dentro il tuo respiro" regala alle lettrici una storia emozionante e struggente, e un protagonista che conquista sin dalle prime pagine.

Incontriamo Isa e Luca mentre si preparano, ognuno a modo suo, alla notte del Carnevale: lei persa tra spennellate di blush e gonne di tulle, lui in preda alla tachicardia e all'agitazione.
Il loro primo incontro è all'insegna dell'equivoco, ma anche dei baci indimenticabili. Isa non sa chi sia il ragazzo che l'ha baciata, protetto da una maschera e dal buio della strada, ma non riesce a togliersi dalla testa il suo profumo e il sapore delle sue labbra.
Per Luca è diverso: innamorato di Isa da più di quanto gli piacerebbe ammettere, non si illude di poter conquistare il cuore di una ragazza così bella e speciale.
Non quando lui, speciale, non lo è proprio. Anzi, la sua vita è un disastro fatto di sensi di colpa, tachicardie improvvise e antidepressivi che rifiuta di assumere, e forse sarebbe bene che Isa se ne tenesse alla larga.
Eppure... eppure c'è qualcosa in lui, che affascina Isa oltre ogni limite.
Il romanzo è disponibile su Amazon, qui.
Quello di Luca era sicuramente il personaggio più difficile da costruire, perchè il rischio di esagerare e renderlo caricaturale era altissimo, ma Annamaria Bosco è riuscita a regalare alle sue lettrici un ragazzo spezzato dalle conseguenze di quella che sembrava l'ennesima goliardata, e piegato dal peso di una vita che gli appare priva di futuro.
Isa, con la sua bellezza e la sua stabilità, è uno dei sui pochissimi punti fermi, e l'unica persona per la quale potrebbe valere la pena rimettersi in carreggiata.
La stessa Isa che, però, attraverso il contatto con la fragilità di Luca scopre anche la propria, e rischia a sua volta di perdersi.

"Dentro il tuo respiro" è un romanzo riuscito da ogni punto di vista, in cui tutto funziona, a cominciare dai dialoghi che non risultano mai improbabili, e arrivando a quello che forse è il cuore di ogni romanzo d'amore, ovvero la capacità di trasmettere emozione.
Vi emozionerete moltissimo, e vorrete immediatamente un altro titolo dell'autrice in libreria.
Consigliatissimo, davvero.
Mi è piaciuto tanto.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

martedì 26 giugno 2018

"La moglie tra di noi" di Greer Hendricks e Sarah Pekkanen

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "La moglie tra di noi" di Greer Hendricks e Sarak Pekkanen, edito Piemme (rilegato a 19,90€):
Quando leggerai questo romanzo, farai molte supposizioni. Supporrai che sia la storia di una ex moglie gelosa, ossessionata dalla donna che l'ha rimpiazzata nel cuore del suo ex marito. Oppure penserai che sia quella della ragazza che sta per sposare l'uomo dei suoi sogni, ancora piena di tutte le speranze di una giovane sposa. O ancora ti chiederai se non sia, in fondo, la storia di un triangolo in cui è difficile capire di chi fidarsi. Ti dirai che è una storia d'amore e odio, di seduzione e paura, di tradimento e giochi di potere. Supporrai di aver capito tutto di Vanessa ed Emma e dell'uomo che amano, le motivazioni dietro le loro azioni, l'anatomia delle relazioni che legano l'uno alle altre. Supporrai di sapere chi sono e che cosa muove, davvero, i loro cuori.
Ma ti sbaglierai.
Perché questo romanzo è proprio come la realtà. E nella realtà non c'è niente di vero. Nessuna relazione è senza ombra. Nessun amore è senza segreti. Ci sono solo gli sprazzi di verità dietro le bugie. O le piccole bugie che, insieme, fanno una verità. E la verità è l'unico modo per voltare pagina.

Raccontarvi questo romanzo senza rovinarvelo è molto, molto difficile.
Ma ci proviamo lo stesso, perchè quando ho iniziato a leggerlo lo scorso Gennaio (senza sapere che sarebbe arrivato anche in Italia nel giro di pochi mesi) è stato il primo thriller psicologico a catturare davvero la mia attenzione dopo tanto tempo.
Da lettrice, mi sembrano davvero tutti uguali ormai, ma... e qui c'è un grande ma, questo è diverso.

È diverso perchè ci si trova spesso a chiedersi quanto di ciò che si è appena letto sia reale, e si è tentati di tornare indietro, rileggere e analizzare ogni parola, tentando di capire quale sia la verità, e chi stia invece mentendo.
Ha ragione Vanessa, divorziata e in uno stato di annebiamento alcolico quasi costante, in piena crisi d'identità dopo le difficili cure per la fertilità e la fine del suo matrimonio con Richard, gestore di fondi più che benestante? Ha ragione a ritenere che la fidanzata di Richard - e promessa sposa - sia in pericolo?O il suo è solo desiderio di vendetta, di anientare quella donna che riesce a essere ciò che lei non poteva?
Quella di Vanessa diventa una vera e propria missione: impedire che Richard faccia soffrire la nuova fidanzata, Nellie, perchè questa conclusione sembra inevitabile.
Ma è davvero Richard il cattivo della storia?
E come può Nellie fidarsi di Vanessa, una perfetta estranea?

Dirvi di più sulla storia vorrebbe dire rischiare di anticipare uno dei tanti colpi di scena del romanzo (il principale, ahimè, lo avevo anticipato, ma solo perchè avevo già letto un libro simile e quindi ho riconosciuto il meccanismo), ma qualcosa sulla superba scrittura di Greer Hendricks (alla sua prima prova da romanziera dopo una carriera ventennale da editor) e Sarah Pekkanen, autrice già nota e della quale avevo letto solo "Things You Won't Say" qualche anno fa.
Questa coppia di autrici è pronta a conquistare il pubblico, e non solo grazie a una storia potente, intensa e con due protagoniste capaci di dominare la scena, relegando Richard in un angolo: a rendere il romanzo uno di quelli da avere in libreria è soprattutto la prosa di alta qualità, non scontata quando si parla di romanzi di genere.
Anzi, l'etichetta di thriller per "La moglie tra di noi" è forse riduttiva perchè tra le sue pagine racchiude tanto, tanto di più.
A cominciare da una riflessione (portata all'estremo, ma il signficato profondo resta immutato) sul ruolo della donna all'interno del matrimonio, sulla maternità voluta, non voluta o negata, sull'amore che dura e su quello che, invece, appassisce come un bouquet nuziale poche ore dopo la festa.
"La moglie tra di noi" è il romanzo che avrei voluto leggere subito dopo "Gone Girl" di Gillian Flynn o dopo "La coppia perfetta" di B.A. Paris e anzi, se avete amato i titoli che ho appena citato correte in libreria e acchiappate una copia di "La moglie tra di noi".
Non vi deluderà.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

giovedì 21 giugno 2018

"Obbigo o verità" di Penny Reid

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Obbligo o verità" di Penny Reid, edito Always Publishing (brossurato a 13,90€) in uscita il 28 Giugno:
Jessica James, laureata da poco ma da sempre con la testa sulle spalle, è pronta a fare ritorno nella sua piccola città natale del Tennessee per prepararsi alla vita di viaggi che sogna da sempre.
Ad attenderla ci sarà la sua eterna cotta infantile, Beau Winston, il cui sorriso amichevole non ha mai smesso di farle cedere le ginocchia e annodare la lingua, ma soprattutto il suo avversario di sempre, Duane Winston, il gemello di Beau. 
Due uomini che potranno anche condividere lo stesso cognome e un viso dal fascino devastante, ma dove Beau è affabile ed estroverso, Duane è silenzioso e riflessivo. 
Complice un simpatico equivoco e un’interessante partita a Obbligo o Verità, Jessica si ritroverà a chiedersi se dietro alla rivalità con Duane non si nasconda molto di più.
Scoprire l’eterna e insaziabile cotta del gemello burbero la lascerà decisamente impreparata, per non parlare della scoperta delle sue mani bollenti, della sua bocca bollente, e del suo aspetto... ancora più bollente.
Ora che l’infatuazione per Beau è svanita, Jessica si ritrova sempre più attirata dal suo avversario di infanzia. 
Se poi a questa gran confusione si aggiungono un gatto assassino, i guai con una banda di motociclisti e i sogni di una vita, quanto sarà disposta a rischiare una ragazza con la testa sulle spalle e il cuore sottochiave?

Penny Reid è arrivata, e con lei i suoi fratelli barbuti e decisamente svegli, perchè l'uomo ci piace bello ma non del tutto stupido (anzi, niente batte una mente brillante. Nemmeno il bicipite più scolpito).
Ad aprire le danze è Duane, cresciuto quasi i simbiosi con il gemello Beau e la compagna di giochi di entrambi, Jessica, per la quale ha sempre avuto una cotta di quelle impegnative, mascherata da scherzi e battibecchi una volta resosi conto che Jessica era davvero interessata a suo fratello.
Peccato che ora, dopo essersi allontanata per finire gli studi, Jessica sia tornata a casa, più bella che mai. E che ora a piacerle, complice un bacio particolarmente appassionato, sia proprio Duane...
Penny Reid ha vinto tutto, con questa serie (ho già letto i primi tre romanzi in lingua originale), riuscendo a regalare alle lettrici una storia romantica e appassionata, ma soprattutto divertente.
Si ride tantissimo, stavolta: niente lacrime e singhiozzi!

Si ride perchè Jessica fa il suo ingresso in scena travestita da sexy Gandalf per Halloween, conquistando subito la simpatia di chi legge perchè immaginarla in miniabito e tacchi alti ma con barba bianca e capello floscio da mago è a dir poco esilarante.
Per non parlare poi di quanto Jessica sia, spesso, imbranata, con esiti a volte catastrofici, a volte solo spassosi.
Si ride perchè Duane è metà ironia e metà sarcasmo, e anche nei suoi momenti (apparentemente) più arroganti non si può fare a meno di trovarlo divertente.
E poi, tra una risata e l'altra, ci si emoziona profondamente, perchè Penny Reid sa anche raccontare l'amore. Quello vero, che ti porti nel cuore per anni e coltivi con attenzione.
Quello che ti costringe a metterti in gioco, perchè come la migliore amica di Jessica le spiega con dolcezza, adorare Beau è facile: è solare, buono fino al midollo, gentile. Praticamente perfetto.
Lui è la scelta sicura, ma è anche quella giusta?
Jessica ci mette poco a capire che, forse, la persona giusta è quella che ti sfida, quella per cui metterti in gioco, e Duane... Duane è decisamente una sfida!
Una lettura consigliatissima, davvero: questo è il romance che piace a me ;)

Un inizio col botto per una serie che conquisterà i cuori delle lettrici volume dopo volume, perchè ci sono altri fratelli Wiston da scoprire, soprattutto (e qui ammetto la mia preferenza) Beau.
Voglio scoprire la storia di quello che per tutti è sostanzialmente un eroe perfetto, un cavaliere senza macchia e senza paura, e che invece secondo me ha tanti lati nascosti tutti da svelare...
Vedremo!

Non volete aspettare fine mese per scoprire la storia di Jessica, Beau e Winston?
Dal 21 Giugno è disponibile in ebook, a 5,99€ su tutti i digital store.
Più fratelli Winston per tutti!

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

mercoledì 20 giugno 2018

"Dammi mille baci" di Tillie Cole

Buongiorno a tutte fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Dammi mille baci" di Tillie Cole, edito Always Publishing (brossurato a 13,90€) in uscita il 28 Giugno:
Poppy Litchfield ha solo nove anni quando si lancia nell’avventura più grande della sua vita, collezionare mille baci capaci di farle scoppiare il cuore. Il suo vicino di casa e migliore amico è il perfetto compagno per quest’avventura.
Poppy ha tutto quello che potrebbe desiderare: gioia, risate, baci da togliere il fiato, e il vero amore. 
Ma crescere è difficile e l’amore può non essere in grado di superare tutti gli ostacoli... 
Quando il diciassettenne Rune Kristiansen torna nella tranquilla cittadina della Georgia in cui ha abitato da bambino, ha in mente solo una cosa. 
Scoprire il motivo che ha spinto la sua inseparabile amica d’infanzia a escluderlo dalla sua vita senza una parola di spiegazione. 
Ma il suo cuore potrebbe rompersi di nuovo...

Ragazzi, che struggimento.
Questo romanzo aveva tutte le carte in tavola per spezzarmi il cuore, e lo ha fatto, salvo rimetterlo anche insieme grazie a uno degli epiloghi più azzeccati letti ultimamente.
Non do mai cinque stelle a un romance, non per pregiudizio ma perchè raramente ci trovo quel qualcosa che lo fa salire di livello e lo renda un libro davvero "perfetto", eppure  non c'è altro punteggio possibile per questo lavoro di Tillie Cole.

Come non riconoscere nella storia di Poppy e Rune la delicatezza e l'emozione del primo amore, l'imbarazzo del primo desiderio, la dolcezza dell'amicizi che sfuma in passione?
Come non commuoversi di fronte alla realtà di una malattia terminale, e della necessità di vivere al cento per cento l'amore prima che sia troppo tardi?

Ecco, "Dammi mille baci" è la storia di un amore infinito in un tempo finito, e se Poppy suscita da subito la simpatia dei lettori con il suo proposito di collezionare mille baci perfetti, capaci di farle battere forte il cuore e farle sentire le farfalle nello stomaco, altrettanta tenerezza suscita il desiderio di Rune di aiutarla a conquistarli, questi mille baci.
Amico leale e amore di una vita, Rune è il mondo intero, per Poppy: l'amore inizia e finisce con lui, e per Rune è esattamente lo stesso. E credo che Poppy e Rune siano la risposta alla domanda "cosa sono le anime gemelle?" perchè loro, sicuramente, lo sono.
Ma la magia, e il dono, di Tillie Cole non sta solo nell'aver raccontato una dolcissima ed emozionante storia di primo amore che dura per tutta la vita, no.
Il suo talento sta nell'aver raccontato la perdita di qualcuno senza il bagaglio di clichè che spesso accompagnano queste storie, senza il dramma caricato che finisce per risultare molto scenografico, sì, ma poco realistico.
Perdere qualcuno, nella vita vera, significa perdere il suo futuro, ma anche riconoscere di avere il dono del suo passato e, finchè si può, del suo presente.
Rune e Poppy lo imparano giorno dopo giorno, bacio dopo bacio, e i lettori con loro.
Impossibile leggere l'intero romanzo con gli occhi asciutti, e impossibile non pensare e ripensare a questa storia per giorni interi, a lettura ultimata.
Consigliatissimo, anzi: consigliato-consigliatissimo!

Non riuscite ad aspettare fine mese per scoprire la storia di Poppy e Rune?
L'ebook del romanzo sarà disponibile già dal 21 Giugno, su tutti i digital store (5,99€).
Buona lettura!

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

martedì 19 giugno 2018

"Ti lascerò andare" di Claire Norton

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Ti lascerò andare" di Claire Norton, edito Fabbri Editori (brossurato a 17€):
Evan Kester ha tutto ciò che può desiderare: è un ricco chirurgo, vive in Florida, è un uomo attraente e di successo. Ma da venticinque anni le sue notti sono tormentate dallo stesso incubo: la terribile immagine dell'uomo che rapì sua sorella Kelsie davanti ai suoi occhi, lasciandolo pietrificato dallo shock e dalla paura. Un giorno, nel parco dell'ospedale in cui lavora, viene avvicinato da un bambino sconosciuto che insiste per parlargli: sa per certo che Kelsie è ancora viva, e che si trova in pericolo. Lo aiuterà a trovarla, ma a una condizione… Inizia così per Evan un'avventura ai confini dell'ignoto, una caccia contro il tempo alla scoperta di verità sepolte da anni, che faranno vacillare il suo mondo e che condurranno il suo destino a intrecciarsi con quello di altri uomini e di altre donne: una moglie distrutta per il tradimento del marito, una madre che ha perduto quasi tutto, un giovane in lotta per la sopravvivenza. Un romanzo in bilico sul filo sottile tra la vita e la morte, l'amicizia e l'amore, alla ricerca di una nuova speranza e di una seconda possibilità.

Ero molto curiosa di leggere "Ti lascerò andare", ed allo stesso tempo ero preoccupata: mi avrebbe spezzato il cuore? Un po' è andata così, in  effetti. Ma andiamo con ordine!

Cosa mi ha fatto amare il romanzo di Claire Norton? Al primo posto, sicuramente l'elemento d'intrigo, la suspense. La storia di Evan è di quelle che ti catturano sin dalle prime pagine, e che allo stesso tempo ti rendono leggermente ansioso: non è facile costruire una trama intrigante e che lo sia per 361 pagine, ma Claire Norton ci è riuscita.

Parte del merito va alla sua capacità di tratteggiare personaggi curiosi e affascinanti, a cominciare da quelli di Evan e Casper. La loro relazione è davvero singolare, e una delle colonne portanti del libro: è difficile immaginare come ci comporteremmo se, come accade a Evan, anni dopo aver visto sparire nostra sorella, un bambino sconosciuto ci avvicinasse per svelarci come lei, in realtà, sia ancora viva.
Gli crederemmo? Scapperemmo urlando?
Impossibile dirlo: quello che possiamo dire è però che la storia costruita da Claire Norton è avvincente e piena di misteri da svelare, e nonostante le tragedie e le difficoltà che costellano la storia non mancano momenti di sollievo, sia per i protagonisti che per il lettore.
Quasi impossibile raccontarvelo senza rovinarvi una delle sorprese sparse lungo il testo, una tra tutte il finale, che coglie in parte alla sprovvista. Un epilogo perfetto per quella che non è solo una storia di ricerca e di superamento di un trauma, ma anche una storia di rinascita, e sul potere catartico dei nuovi inizi.

Una prosa scorrevole e un lessico decisamente adatto anche ai lettori più giovani, non troppo ricercato e che va dritto al punto. "Ti lascerò andare" si legge tutto d'un fiato, avvinti dalla trama e aiutati dalla costruzione decisamente ben studiata della vicenda.
Davvero consigliato, e non temete: si piange, se si è teneri di cuore, ma c'è anche tantissima speranza per il futuro, ed è questo a rendere il romanzo speciale.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

lunedì 18 giugno 2018

Intervista a Francesco Muzzopappa su "Heidi", la televisione e gli autori del cuore

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
Oggi il blog ha un ospite speciale: Francesco Muzzopappa, appena tornato in libreria con "Heidi" edito Fazi Editore (brossurato a 15€):
Hotel da incubo, Malattie imbarazzanti, Non sapevo di essere incinta e Sepolti in casa non bastano. Ormai la tv chiede sempre nuovi format, sempre più paradossali, sempre più surreali. Succede anche in Videogramma, un’azienda di contenuti in cui da anni lavora Chiara, trentacinquenne milanese, direttrice casting, single, irrisolta, piena di paure e ossessioni. Il nuovo capo, detto lo Yeti, chiamato anche per operare dei tagli, costringerà tutti i dipendenti a proporre format innovativi, pena il licenziamento immediato. Ma la situazione per Chiara si complica quando suo padre, Massimo Lombroso, un vecchio critico letterario del «Corriere della Sera» malato di demenza selettiva, viene cacciato dall’ospizio in cui è ricoverato perché ormai ingestibile. In attesa di trovare una nuova sistemazione, Chiara lo terrà in casa con sé. La convivenza però non sarà facile: lui la scambia da sempre per Heidi, il cartone animato che seguivano insieme quando lei era piccola. Tutto il suo mondo è popolato di caprette, monti e Peter. E Peter verrà ribattezzato anche il ragazzo trovato da Chiara per stare col padre quando lei è al lavoro, un giovane premuroso e preparatissimo che si prenderà cura dell’uomo fino a diventare insostituibile. Quando Chiara si troverà in difficoltà alla Videogramma, per le pressanti e impossibili richieste dello Yeti, sarà proprio questa sua nuova strampalata famiglia a darle una mano e, come per magia, tutto si risolverà per il meglio, non senza inaspettati e imprevedibili sviluppi.

Ho avuto la possibilità di leggere in anteprima "Heidi", divertendomi moltissimo, ed ecco cosa mi ha raccontato l'autore in occasione dell'uscita!

Com'è nata la storia di HEIDI?
Misurando lo stato di salute della TV che normalmente guardo. Il grottesco di certi programmi sui canali specializzati. L’ho cucita insieme a una storia emotivamente più alta. Le tessere, magicamente, si sono incastrate alla perfezione.
Impossibile non partire da Chiara, trentacinquenne ovviamente irrisolta, ovviamente single, ovviamente con ben più di un grattacapo a livello lavorativo. Chiara rappresenta una generazione intera, alla quale spesso resta davvero solo da "riderci su", cercando di non perdere almeno la capacità di ironizzare.
Da trentenne (e più o meno nella stessa situazione lavorativa e sentimentale di Chiara, ehm...) ti chiedo: l'ironia ci può salvare? E da autore, quanto è difficile bilanciare umorismo e ironia con i temi non sempre facili che scegli di affrontare?
Hai ragione quando dici che, finché possibile, bisognerebbe non perdere la capacità di sdrammatizzare, di non prenderci sul serio. Occorre uno sguardo lucido sul mondo e su se stessi, per reagire con ironia. Descrivo sempre personaggi rincorsi dalla sfiga che riescono, sulla lunga distanza, a correre più di veloci lei e vincere. La sfiga presuppone sempre una possibilità di riscatto. Ed è su questo che costruisco le mie storie.

Il rapporto tra Chiara e Massimo è un rapporto padre-figlia non certo facile: i loro ruoli si sono rovesciati, da quando è lei a occuparsi di lui, e spesso la confusione esistenziale di lei e quella mentale di lui sembrano andare di pari passo, con risultati imprevedibili.
Da dove è nata la scelta di raccontare questa particolare realtà?
La nostra quotidianità è composta da problemi reali e problemi creati apposta per rendere il mondo un posto peggiore. Sui problemi reali c’è poco da fare: il destino si accanisce e non possiamo fermarlo. Sui problemi “causati” si può lavorare. Mi piaceva raccontare per l’appunto una storia in cui un impedimento reale entra a gamba tesa su un assurdo ricatto lavorativo e lo polverizza, rendendo tutto immediatamente ridicolo. La chiave utilizzata nel testo (l’estrema delicatezza, spero si colga) mi ha aiutato a superare incidenti contenutistici (spero).

Il mondo della tv che emerge dal tuo romanzo fa sicuramente divertire, ma inquieta anche un bel po': difficile pensare senza un po' di paura alla direzione che sta prendendo l'intrattenimento, con format sempre più assurdi e che, nonostante questo, catturano il pubblico. 
Qual è il tuo rapporto con la tv (cosa guardi, cosa non riesci proprio a guardare, ecc.)?
La finale del Grande Fratello quest’anno ha raggiunto una audience di circa 4 milioni di persone, contro una partita dell’Italia. Si è detto “grande successo” e va benissimo, ma in Italia siamo in 60 milioni, circa, e 4 milioni è niente, pulviscolo. Ci sono 54 milioni di Italiani che, quella sera, hanno preferito guardare o fare altro. Non è stato dunque, tutto sommato, un grande successo: i ragazzi ormai guardano Youtube, la mia generazione si sta orientando sulle serie (il più delle volte estere, gran bei prodotti, confezionati con intelligenza). Davanti alla tv generalista restano i cosiddetti “telemorenti”, così chiamati da Boncompagni, che meriterebbero programmi più stimolanti. Gli ascolti altissimi si fanno ormai solo per i grandi eventi e le disgrazie. Di cronaca nera la TV abbonda, ma di grandi eventi se ne vedono pochi. Pare sia il tempo dei freak bidimensionali sbattuti in prima serata per generare insulti, scazzottate e impennate social. Forse ce lo meritiamo. Evidentemente non abbiamo gli anticorpi per cambiare le cose, nè noi spettatori, nè i dirigenti televisivi. Andare in discesa è molto più facile che risalire la china. Per fortuna ci sono anche i libri.

Non solo scrittura, ma anche lettura: quali sono i suoi libri e autori del cuore, e se li hai, quali sono i libri e gli autori che hanno influenzato il tuo percorso di scrittura?
Molti. Ho scoperto all’università Swift e Sterne. Amo le cose di Douglas Coupland e Will Self. Adoro Wodehouse, Sedaris e Shteyngart. Mi piace l’umorismo di stampo britannico ed ebraico. Leggo in lingua molta narrativa estera, David Rakoff e altri. Mi piacciono gli autori poco ortodossi che sappiano maneggiare bene sia la leggerezza (faccenda complicatissima) che la complessità umana.
Restate in nostra compagnia anche domani, con l'ultima tappa di questo blogtour ricco di contenuti che un po' vi faranno venire voglia di correre in libreria, e un po' vi sfideranno ad accendere la tv e scoprire programmi assurdi dei quali ignoravate l'esistenza (io sono ancora traumatizzata da quando ho acceso per sbaglio su Malatttie imbarazzanti tre anni fa, e mi sono beccata la vedova che mangiava le ceneri del marito morto. Esatto, le conservava in una scatola di cereali e le mangiava. Mi sento male ancora adesso, a ripensarci).
Non stupisce che io non abbia la tv da un anno e non ne senta la mancanza, vero?

Invece il romanzo di Francesco Muzzopappa fa solo stare bene, quindi tutti in libreria!
Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

mercoledì 13 giugno 2018

Intervista a Eloisa Donadelli, su "Le voci delle betulle", l'amore e il bisogno di ritrovarsi

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
Oggi il blog ha un'ospite molto speciale: Eloisa Donadelli, autrice di "Le voci delle betulle", appena arrivato in libreria grazie a Sperling & Kupfer (rilegato a 16,90€):
Bernadette Laudis vive da sempre con un peso inspiegabile sul cuore, un senso di vuoto che le fa mancare l'aria all'improvviso nonostante l'abbraccio caldo della famiglia, e che cerca di colmare con il suono del suo violoncello. Finché, un giorno, un oggetto stonato rinvenuto sul pavimento di casa rivela una verità affilata, che squarcia il velo di purezza di cui credeva ammantata la sua vita. E il dolore la getta in un crepaccio senza appigli, di quelli che si insidiano nei ghiacciai delle Alpi che fanno da contorno al paesino di Cimacase, dove lei da Milano si è trasferita per amore. 
Una notte, in cerca di ossigeno fresco, Bernadette si addentra nei boschi, trovando una casa circondata di betulle. Lì vive Giosuè, un pastore solitario, un uomo anziano che si è fatto eremita per proteggere i ricordi. In paese lo chiamano «il re delle betulle»: dicono che i suoi consigli siano un balsamo per le ferite dell'anima; dicono che sappia leggerti dentro, ma che non tutti riescano a trovarlo.
Saranno quel luogo e quell'incontro a dare voce al passato di Bernadette, alla storia della sua famiglia e al mistero delle sue origini, liberandola da quell'antico peso sull'anima. Perché ci sono destini che solo gli alberi sono in grado di preservare.

Ho potuto intervistare l'autrice tra le betulle della sala Agorà di Palazzo Mondadori, subito dopo la sua diretta Facebook (che potete ancora vedere qui), ed ecco cosa mi ha raccontato!

Nel tuo romanzo l’amore ha un ruolo centrale, nonostante non sia una storia d’amore in senso stretto. Abbiamo un amore che finisce che dà la spinta a Bernadette per carcarne uno che invece resti, e forse anche per imparare di nuovo ad amare se stessa.
Ho avuto la sensazione che la tua protagonista compisse questi due percorsi in parallelo.
Sicuramente. L’amore è l’unico motore della vita, e ogni sua accezione è meravigliosa, purchè sia vera. Secondo me l’amore è quella persona con la quale ti senti a casa, ed è quel sentimento che arricchisce e lascia liberi allo stesso tempo.
Bernadette ha perso il suo primo amore: in seguito ha trovato qualcosa che attutisse questo senso di perdita, che smorzasse le sue insicurezze, ma ritrova se stessa quando, alla fine, ritrova anche l’amore vero. Quello che supera tempo e distanza.

Forse non era nelle tue intenzioni, ma con “Le voci delle betulle” hai scritto non solo la storia di Bernadette ma anche una splendida saga famigliare. C’è una frase in particolare, sulla famiglia come punto di partenza, come nido, che mi ha colpita molto.
In parallelo, identifichi nell’amore coniugale quello che scegli, che rappresenta il futuro e che va colto nella direzione del proprio vento.
Quanto è difficile secondo te oggi, capire in che direzione soffi il nostro vento?
Tutti abbiamo una famiglia d’origine, il nucleo da cui siamo nati, e poi quella che costruiamo con il nostro partner. Nella prima ci capitiamo, mentre la seconda guarda al futuro perchè scegliamo attivamente la persona con cui costruirla.
Invece, per capire in che direzione soffia il nostro vento, dobbiamo prima di tutto fermarci.
Viviamo in un mondo che si muove velocemente, e rischiamo di dimenticarci di ascoltare prima di tutto noi stessi: è questo ilnostro vento, la voce dentro di noi che ci dice dove dirigerci.

Parlando di vento, questo aspetto del tuo romanzo mi ha fatto pensare a una delle puntate più divertenti di "Friends," che vedeva Rachel, Monica e Phoebe immerse nella lettura di un saggio che spiegava alle donne "come non farsi rubare il vento", inteso proprio come la loro energia interiore, e incitava a non farsi calpestare ed essere padrone della propria vita.
Questa è anche la necessità di Bernadette, in fondo.
Secondo me, le donne soffrono sempre di più per amore rispetto agli uomini, forse perchè si fanno travolgere di più dai sentimenti.
È un riferimento giusto quello che hai colto, e anzi, è bello il messaggio di quell'episodio sul non farsi calpestare, perchè è qualcosa che noi donne rischiamo sempre di fare.
Nel romanzo infatti c'è una donna che viene calpestata, persa nella ricerca di qualcosa che non può avere e sotto il peso di un amore sbagliato: Agata.

In Agata io ho visto una sorta di anti-Heidi: sogna la vita borghese, ai suoi occhi ricca e dorata, piena di emozioni, rifiutando la vita semplice di montagna che invece per Heidi rappresentava la perfezione.
Ci ho visto giusto? 
Non ci avevo pensato, ma sì, Agata è proprio l'anti-Heidi! Hai trovato un paragone pazzesco!
Agata è nata in montagna, ma la odia da sempre: immagina la città come una specie di Disneyland, piena di negozi di caramelle, di profumi, di case con lenzuola morbide e carte da parati.
Purtroppo resta schiacciata da questo sogno, come un uccellino che cerca di lasciare il nido troppo presto. Finisce per fidarsi di un uomo sbagliato, e non riesce a tornare indietro o crearsi un futuro diverso.

Ho amato il personaggio di Bastiano, sai?
È proprio il principe azzurro, il grande amore della gioventù, quello che vedi con le lenti rosa e che è difficile da trovare in età adulta, quando tutto ciò che era sfumato dietro le lenti lo vedi nitido.
È anche uno dei miei personaggi preferiti, e forse in lui ho voluto rappresentare quello che per me è il principe azzurro, quello che arriva e ti salva, che ti aiuta, che è presente. Ci sono uomini così.
Rappresenta anche l'amore libero, quello che non ti opprime o che non ti sfrutta: è l'amore che ti permette di realizzare i tuoi sogni.

Ho riflettuto a lungo su un aspetto del tuo romanzo, ovvero l'idea di ritrovare se stessi anche grazie al semplice atto di camminare in un bosco.
Da un punto di vista strettamente pratico, funziona: camminare in un bosco ti costringe a rallentare, perchè devi scoprire le radici nascoste, abbassarti per passare sotto ai rami più bassi, evitare i sassi sporgenti. Già per la sua conformazione, il bosco ti costringe ad andare più piano: in un momento in cui si è sopraffatti da una vita frenetica e troppo veloce, l'atto stesso di andare a camminare in un bosco impone la lentezza, e permette così di pensare con più lucidità.
Quello di ritrovare la lentezza è un bisogno più forte che mai, oggi che siamo sovrastimolati.
Il bosco, poi è bellezza, e la natura in esso racchiusa ha una perfezione sua.
Camminare in un bosco significa ascoltare a 360° ciò che ci circonda: c'è la musica del bosco, e c'è il suo silenzio. Questo ci aiuta ad ascoltare noi stessi, invece dei rumori della nostra vita.

Ho un'ultima curiosità, e riguarda il tuo rapporto con la musica.
Nel romanzo è molto presente, anche attraverso due strumenti importanti come il pianoforte e il violoncello.
Nella mia vita la musica è molto importante, e l'ho studiata fin da piccola.
Non sono una musicista, ma ho studiato pianoforte, un po' di chitarra e un po' di violino.
Scrivo cullata dalla musica: per questo romanzo in particolare, ho ascoltato la musica di Ezio Bosso, soprattutto Bach al pianoforte.
La musica classica mi accompagna anche durante le mie passeggiate: quando nevica, camminare nella neve ascoltando musica classica è davvero il massimo!

Infine, raccontami: che lettrice sei?
Quali sono i tuoi libri e/o autori del cuore?
Ho sempre letto tantissimo: romanzi, saggistica e poesia.
Amo molto la poesia, soprattutto quella dei romantici inglesi, o di Alda Merini.
Come romanzieri amo Doris Lessing, Marguerite Yourcenar, Giovanni Verga, o il realismo magico sudamericano. "La casa degli spiriti" di Isabel Allende è uno dei miei libri preferiti, e poi Marguerite Duras....!
C'è qualcosa de "L'amante" di Marguerite Duras nel rapporto tra Agata e il finanziere...
Qualcosa sicuramente sì, e nel romanzo è finito qualcosa anche da "Un amore" di Dino Buzzati, un altro dei miei libri "del cuore".

Ringrazio moltissimo Sperling & Kupfer ed Eloisa Donadelli per la possibilità di questo confronto su "Le voci delle betulle", un romanzo che mi ha preso un pezzo di cuore e che consiglio a tutti, nessuno escluso. Insieme a una passeggiata nel bosco ;)

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

martedì 12 giugno 2018

"Berlin. L'isola degli dei" di Fabio Geda e Marco Magnone

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Berlin. L'isola degli dei" di Fabio Geda e Marco Magnone, edito Mondadori (rilegato a 16€):
«Chi l'avrebbe mai detto che in questo mondo l'Isola che non c'è sarebbero stati gli adulti ad abitarla. E che alla fine i bimbi sperduti sarebbero partiti alla sua conquista.»

Era Ottobre 2015, e questo piccolo spazio virtuale ospitava le mie impressioni sui libri che leggevo solo da pochi mesi quando ho ricevuto un pacchetto davvero speciale da Mondadori: conteneva una copia in anteprima del primo volume di "Berlin", una serie per ragazzi che mi avrebbe fatto compagnia per tre anni, anche se ancora non potevo saperlo.
Non potevo sapere che avrei passato tre anni al di là del muro di Berlino alla fine degli anni Settanta, in un mondo in cui un virus misterioso uccide solo chi è giunto alla fine della pubertà.
Un po' ucronia, un po' omaggio a capolavori come "Il signore delle mosche" di William Gonding, "Berlin" è una serie speciale, e ci siamo. È il momento del gran finale.

È impossibile parlare del sesto volume senza fare spoiler dei cinque precedenti, quindi qualora foste rimasti indietro chiudete immediatamente questa recensione e correte in libreria a mettervi in pari: ne vale la pena, ve lo assicuro.
E ora veniamo a noi!
Ho avuto un debole per Wolfrun fin dalla sua apparizione, amandone le diverse sfaccettature e il costante contrasto tra la sua natura buona sepolta sotto al risentimento e il suo desiderio di essere emotivamente impenetrabile. Spesso ha confuso la crudeltà con la forza, spesso si è resa insopportabile e ai limiti dell'imperdonabile, salvo poi riconquistare punti grazie al suo legame con Anneke, ma il suo è uno dei personaggi meglio tratteggiati della serie e quando ha capito cosa volesse davvero ha compiuto una svolta importante.
Ora è insieme ai ragazzi di Gropius, e con lei anche Timo (un altro dei miei preferiti), anche se il clima resta tesissimo: la paura, il senso di impotenza, le perdite che hanno accompagnato ognuno di loro (sin dalla morte di Sven alla fine del primo volume, passando per la perdita di uno dei tostissimi gemelli o per quella del migliore amico di Jakob, quest'utima uno dei momenti più tristi dell'intera serie) li hanno provati tutti quanti, nessuno escluso.

A cambiare le carte in tavola, e a portare tutti verso il finale in parte imprevedibile della serie, è la ricomparsa di una persona legata a Jakob e che proprio non dovrebbe essere a Berlino... o viva.
Vi lascio scoprire di chi si tratta, ma vi basti sapere che scoprire grazie a questo personaggio come sia stato fuggire da Berlino e cosa ci sia al di là del muro vi sorprenderà.
Molte domande trovano risposta, finalmente, e anche se il finale è aperto (possiamo forse sperare in un ritorno dei nostri protagonisti preferiti, magari in futuro?), è sicuramente quello giusto per una serie che ha conquistato i lettori più giovani grazie ai misteri da risolvere e ai continui colpi di scena.

Quando si raggiunge l'ultimo capitolo di una serie è inevitabile una riflessione sul suo sviluppo, e devo dire che, nonostante non abbia amato ogni volume allo stesso modo (ho il mio preferito, come accade con tutte le serie, e per la precisione si tratta di "Berlin. I fuochi di Tegel"), è stata una delle serie di cui ho sempre atteso con ansia l'uscita del capitolo successivo.
Una delle serie di cui ho letto il romanzo appena disponibile, e nel giro di un paio d'ore al massimo.
È stata anche una delle serie che mi ha fatta soffrire di più, perchè mi sono affezionata moltissimo ai suoi protagonisti e molti di loro non ce l'hanno fatta, ahimè.

Un ringraziamento va anche a Fabio Geda e a Marco Magnone, perchè ho avuto la possibilità di incontrarli da lettrice, di intervistarli da blogger e di lavorare con loro proprio per questa serie, alla quale sarò sempre affezionatissima: sono due autori fuori dal comune, dotati di grandissimo talento e che, ne sono sicura, hanno ancora molte storie da raccontare!

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

"King" di Meghan March... e l'outfit adatto alla lettura!

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "King" di Meghan March, edito SEM (brossuato a 10€):
New Orleans è il mio regno. Nessuno conosce il mio nome, ma in città il mio potere è assoluto. Ciò che voglio lo ottengo sempre. Mi piace che la gente sia in debito con me. E che abbia paura. Soprattutto se si tratta di una bella, giovane vedova alle prese con un business da uomini. Lei non sa che la volevo da molto tempo. D'ora in avanti io sarò il suo padrone. E poi potrei anche tenerla solo per il mio piacere. è il momento di riscuotere il mio debito. Keira Kilgore è proprietà di Lachlan Mount.

"King" di Meghan March ha già fatto strage di cuori tra le lettrici, e a ragione: raccontare l'eros e la passione non è da tutti, nonostante tutti ci provino, ed è inutile dire che aspetto con ansia l'arrivo di "Queen" e "Desire". Questa sarà la trilogia bollente dell'estate, ne sono sicura.

Ma veniamo a noi, perchè un libro così non si può mica leggerlo indossando una magliettastinta e sformata e un paio di mutande ingrigite con l'elastico allentato dalle troppe lavatrici.
No, per questo libro serve qualcosa di più stuzzicante... qualcosa di simile a questo, forse:
Adoro il bianco, e i dettagli sulla schiena: questa camicia da notte corta di H&M (29,90€) è perfetta per la stagione calda... e per le notti bollenti!
Ma forse siete più donne da nero, giusto?
Al nero pensa Hunkemoller, con una canotta vedo-non-vedo (38,99€) arricchita da fiocchetti e con le spalline sottili: mi piace moltissimo, ed è perfetta sopra a qualsiasi slip o culotte in pizzo nero.
Non è un brand molto conosciuto, ma ha un catalogo di lingerie da notte davvero stuzzicante... date un'occhiata!

E che dire del rosso, il colore della passione per eccellenza?
Adoro il pizzo, il rosso e la scollatura profonda, e che dire di quel fiocco sulla schiena?
Anna Summers sa come fare contenta una donna, questo è sicuro, e il prezzo non è proibitivo (30,99€).

Questo è particolare, ma se vi dicessi che potreste scegliere una camicia da notte lunga?
Dalla schiena nuda e con sensuali spacchi, of course!
Questa è di ASOS DESIGN (38,99€), della linea di intimo nuziale, e per quanto lontanissima da ciò che indosserei di solito per dormire... mi piace! Apparentemente quasi virginale, ma a modo suo molto provocante!

Per non parlare di quel tocco maschile che, a modo suo, può essere molto, molto sexy.
Come in questo pigiama H&M (19,90€), che una volta aperti i bottoni e con l'aiuto degli shorts extra short diventa decisamente sensuale:

Avete già scelto il vostro? Io li vorrei tutti, ahimè: dovrò andare a fare shopping, in attesa di leggere "Queen"!
E anzi, proprio per ingannare l'attesa, perchè non scoprire qualche contenuto "provocante" in giro per il web?
Ecco dove trovare qualcosa:

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

lunedì 11 giugno 2018

"Per il mio amore, Whiskey" di Kandi Steiner

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Per il mio amore, Whiskey" di Kandi Steiner, edito Always Publishing (brossurato a 13,90€):
Dal primo momento in cui incontra Jamie, Breck sa che la sua vita non sarà più la stessa. Quel ragazzo dagli occhi ambrati diventerà il suo Whiskey, una irrinunciabile dipendenza. Mese dopo mese, anno dopo anno, errore dopo errore, la loro amicizia si fa sempre più complicata, e la loro attrazione sempre più inarrestabile. Ma cosa fare quando il tempo e le circostanze sembrano essere sempre avverse? Quanto duramente e quanto a lungo una donna può lottare per riappropriarsi del cuore dell'uomo che da sempre le appartiene? Una storia cruda, appassionata e straziante, in cui il destino giocherà a tirare i fili del vero amore, in un turbinio di emozioni. travolgenti. Ci vuole più coraggio ad ammettere di amare qualcuno e di voler lottare per lui, che a lasciarlo andare per soffrire di meno.

Se il web si è scatenato, in occasione dell'uscita di questo romanzo, un motivo c'è: "Per il mio amore, Whiskey" è una vera e propria dichiarazione, una struggente lettera d'amore rivolta a qualcuno che potrebbe non leggerla mai - o decidere di averne avuto abbastanza.
É il cuore che si mette in gioco, e che lo fa con la stessa prepotenza e decisione di un whisky invecchiato da collezione.

Kandi Steiner racconta con efficacia l'amore travolgente e la passione accecante, sì, ma soprattutto la dipendenza, quella che ti trascina a fondo se non trovi il coraggio di lottare e risalire, un passo alla volta. Quella che rischia di annientare Breck, un bicchiere dopo l'altro, e di rovinare per sempre l'unica cosa bella che abbia mai avuto: il rapporto con Jamie.
Imperfetto, sbagliato, tossico, ma anche incredibilmente eccitante, appassionato e... giusto.
A non essere giusto è il momento: nel corso del romanzo li vedrete rincorrersi, lasciarsi e riprendersi un po' di volte, e vi porteranno quasi all'esasperazione, ma Breck e Jamie sono questo. Sono un casino, grandi amici e l'una l'amore della vita dell'altro.


"Per il mio amore, Whiskey" è una lettura che dà dipendenza, perchè è come una bottiglia di whiskey invecchiato al punto giusto: ti conquista un sorso alla volta, ammaliandoti e seducendoti con i suoi riflessi ambrati e il suo sapore ricco, rendendoti impossibile desiderare qualsiasi altra cosa.
É anche difficile scegliere la lettura da fare subito dopo: ho iniziato e abbandonato tre libri, prima di arrendermi e capire che forse volevo restare nella storia di Breck e Jamie ancora per un po'.
Consigliatissimo, è stata una lettura davvero coinvolgente e che va assolutamente accompagnata con un cocktail ghiacciato per freddare i bollenti spiriti.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

giovedì 7 giugno 2018

Cristina Chiperi torna in libreria con "Moonlight", pronta a emozionare lettrici di ogni età

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Moonlight" di Cristina Chiperi, edito Garzanti (rilegato a 16,90€):
Daisy ha imparato che fidarsi nuovamente di qualcuno è possibile, anche se difficile. È stato Ethan a insegnarglielo. È stato Ethan a ritrovare la strada verso il suo cuore ricordandole che sono destinati a stare insieme come due stelle binarie che viaggiano accanto all'infinito nel firmamento. Ma quello che i due ragazzi non sanno è che il passato che li aveva divisi ha ancora molto da raccontare. E c'è una persona che vuole fare di tutto affinché quello che è successo anni prima non sia dimenticato: Tommy il suo amico da bambina che si iscrive alla stessa facoltà di Daisy e che inizia a frequentare i suoi amici come se nulla fosse. Tommy che piano piano insinua in lei il dubbio che abbia sbagliato a concedere ad Ethan una seconda possibilità. Perché ci sono troppe domande che non hanno una risposta. E cercarla vuole dire per Daisy soffrire di nuovo e soprattutto allontanarsi da Ethan, dalle sue braccia che finalmente la stringono forte, fortissimo. Eppure non c'è felicità se sepolta da mille segreti. Non c'è amore se offuscato da mille incertezze. Daisy si trova davanti ad un bivio e questa volta nemmeno i suoi amati filosofi possono aiutarla nella scelta. Nemmeno il cielo stellato che Ethan le ha insegnato a interpretare. C'è solo lei con il suo coraggio e la sua voglia di crederci ancora. Il sogno d'amore nato su una casetta sull'albero da bambini non può spezzarsi così facilmente. Non può essere una finzione. Bisogna lottare per salvarlo, nonostante tutto.

A poco più di un anno da "Starlight", Cristina Chiperi torna in libreria pronta a conquistare ancora una volta il cuore delle sue (tantissime) lettrici.
Molte la seguono fin dal suo esordio su Wattpad, piattaforma di scrittura gratuita, con la trilogia "My dilemma is you", arrivata poi sugli scaffali grazie a Leggereditore e in classifica per settimane; molte hanno scoperto la sua scrittura più matura ed equilibrata con "Starlight"; tutte, però, nessuna esclusa, aspettavano con ansia di sapere cosa ne sarebbe stato di Daisy, Ethan e Tommy.
Cristina Chiperi a Milano durante il lancio di Starlight (aprile 2017)
Questo perchè Cristina Chiperi è cresciuta, e con lei la sua scrittura, permettendole di essere apprezzata anche da un pubblico più maturo, a cominciare dalle lettrici di "My dilemma is you", più grandi e desiderose di una scrittura che indagasse di più le emozioni proprie dell'animo umano.
Non è facile raccontare l'amore giovane anche a chi così giovane, magari, non lo è più, ma grazie a una prosa misurata e a personaggi che sembrano pronti a spiccare il volo dalle pagine, "Starlight" ha fatto centro.
E sono sicura che sarà lo stesso per "Moonlight"!
Siete pronte a scoprirlo?
Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

mercoledì 6 giugno 2018

WWW WEDNESDAY #29

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
Torna l'appuntamento con WWW Wednesday, ovvero il riepilogo settimanale delle letture finite, in corso e future. In questo periodo sto leggendo moltissimo, per lavoro e per piacere, e questo mi sembrava il modo migliore per raccontarvi tanti titoli senza tediarvi con settecento recensioni.Cominciamo subito dalle letture concluse:
"Red" di Isabelle Ronin non mi ha conquistata del tutto.
Ho trovato poco sviluppati i personaggi, e alcune delle loro interazioni sono davvero prive di senso. Il lato protettivo di Caleb è molto dolce, ma non comprendo la scelta di farlo esprimere e comportare come un primate poche righe dopo. Troppi tira e molla, in vero stile Wattpad, e insomma, si legge ma non resta nel cuore. Mette una gran voglia di pancake, però!
Per fortuna poi è arrivata Paola Barbato a risollevare il morale, con il suo "Io so chi sei": la sua scrittura si conferma inquietante e conturbante in egual misura, ed è sicuramente una delle autrici che posso definire - senza esitazione - una garanzia. La protagonista, Lena, vi starà molto antipatica, e se siete come me alla fine vi appassionerete più alla storia del "cattivo", ma soprattutto passerete u sacco di tempo a farvi domande, cercando di anticipare l'autrice senza mai riuscirci.
Consigliatissimo, e trovate l'intervista all'autrice qui se volete saperne di più (senza spoiler!).
Al momento sto leggendo tre libri molto diversi, e tutti sul mio iPad2 (sempre più lento, ma prossimo al suo decimo anniversario: sarà presto il momento di passare a un nuovo tablet!).
Ho iniziato "The Player" di Vi Keeland perché è uno dei titoli che devo promuovere prima dell'estate, e ho ritrovato quella scrittura che riesce a essere romantica e appassionata senza perdere in ironia che già mi aveva conquistata con "Bossman".
Ho anche ripreso in mano "L'atlante dell'invisibile" di Alessandro Barbaglia, che avevo accantonato, ma forse non è il libro giusto per me in questo momento.
Mi sta invece appassionando "Girl Code" di Cara Alwill Leyba, saggio sull'imprenditoria al femminile che offre parecchi spunti di riflessione. Era citato in diversi articoli e libri letti negli ultimi mesi, e capisco perché: è davvero un ottimo saggio.
Dire cosa legggerò per me è sempre difficile, però di sicuro per lavoro leggerò "Beautiful Mistake" di Vi Keeland, e finirò "Berlin - L'isola degli dei" di Fabio Geda e Marco Magnone, che avevo iniziato e accantonato per leggere in volata "Io so chi sei" prima di incontrare l'autrice.
Sono molto curiosa di scoprire come finirà la storia di Jakob, Christa, Nora, Timo e tutti gli altri!

E voi, cosa leggete di bello?

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

martedì 5 giugno 2018

Intervista a Paola Barbato su "Io so chi sei", la scrittura... e gli inetti!

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
Oggi arriva in libreria "Io so chi sei" di Paola Barbato, edito Piemme (rilegato a 18,50) e quindi perchè non festeggiare condividendo con voi la nostra chiacchierata di ieri?
Sono passati solo due anni, e di tutto ciò che è stata non è rimasto nulla. 
Lena era brillante, determinata, brava a detta di tutti, curata, buona. Poi nella sua vita era entrato Saverio, e tutto era stato stravolto. Quel ragazzo più giovane, che viveva per essere contro qualsiasi regola, pregiudizio, conformità, l'aveva trasformata. E non erano solo i vestiti, i capelli, le parole. Era lei, le sue sicurezze, il suo amor proprio. Tutto calpestato in nome di un amore che agli occhi di tutti gli altri era solo nella sua testa. Il giorno in cui lui era finito in Arno, dato per disperso prima e per morto poi, qualcosa in Lena si era spento definitivamente. 
Sono passati due anni, e di Saverio le resta il cane Argo, che ancora la vive come un'usurpatrice, e un senso di vuoto dolente e indistruttibile. La sera in cui trova nella cassetta della posta un cellulare, Lena pensa che si tratti di uno scherzo, oppure di uno sbaglio. Ma bastano pochi minuti per rendersi conto che quell'oggetto può cambiare la sua vita. Perché i messaggi che arrivano, e a cui lei non può rispondere, parlano di cose che solo Saverio può sapere. E quindi è vivo. È tornato. Così, senza che Lena se ne accorga, quell'oggetto diventa l'unica linfa vitale a cui abbeverarsi, e non importa che i messaggi siano sempre più impositivi e le ordinino di commettere atti di cui mai si sarebbe pensata capace. Perché se lei farà la brava, lui rientrerà nella sua vita. O questo è ciò che pensa. Almeno fino a quando le persone che le stanno intorno cominciano a morire. E il gioco si fa sempre più crudele. E la prossima vittima prescelta potrebbe essere lei.
Paola Barbato, in una corsa contro il tempo, ci porta nell'abisso della mente umana, dove paure, passioni e ossessioni si legano inestricabilmente e, a volte, ci stritolano.

Abbiamo incontrato l'autrice giusto in tempo per farci raccontare qualcosa in più su "Io so chi sei" e la sua genesi, su Lena e sulla scrittura, ed ecco cosa ci ha svelato!

"Io so chi sei" è legato a un romanzo che stai scrivendo su Wattpad, "Zoo" (per molti 300): ci racconti qualcosa di più su questo progetto?
Certo! "Io so chi sei è una costola di "Zoo", la storia più terribile che io abbia mai scritto. Durante la sua stesura, mi capitava di avere dei personaggi bloccati, e chiedermi "ma fuori da lì, qualcuno li sta cercando? C'è qualcuno che li aspetta?"
Mi sono concentrata su uno di loro in particolare, e mi sono chiesta se il suo essere bloccato in quella situazione non dipendesse, forse, proprio da chi aveva fuori. E da lì ho aperto una porta, mi sono sporta oltre la soglia e ho iniziato a vedere l'altra storia.
Il punto è che le due storie non sono necessarie l'una all'altra, possono essere lette in completa autonomia e anzi, entrambe avranno un seguito: lo stesso seguito per entrambe.
Per me era importante che non venisse percepita come un'operazione che costringesse il lettori di Wattpad ad andare in libreria o chi mi acquista in libreria ad andare su Wattpad, e anzi, anche il seguito sarà un romanzo che potrà essere letto in totale autonomia.
Un tentativo simile lo ha fatto, anni fa, Stephen King con i suoi "Desperation" e "Salvation", ed è un lavoro decisamente faticoso!

Quale personaggio ti ha dato del filo da torcere?
Caparzo, senza dubbio! Il suo modo di esprimersi,sgrammaticato e singolare, non condizionava solo i suoi dialoghi, ma anche la mia narrazione nel momento in cui mostravo ciò che accadeva attraverso il suo sguardo.
In fondo, è lo stesso problema che mi ha dato Lena con il suo modo di essere spento, senza verve, senza decisione: rendeva piatta anche la narrazione, quando doveva accordarsi alla sua visione del mondo. Lena è un'inetta, e andava raccontata così, perchè anche gli inetti vanno raccontati: sono tantissimi! Lena è la classica persona che aspetta che qualcuno scenda dal cielo e risolva ogni problema, e non fa nulla che non sia stato imbeccato da terzi, che le fanno balenare l’idea che forse la loro idea possa funzionare. Persino nel suo gesto più forte, Lena non è coraggiosa: la sua è solo una forma di autotutela, di autodifesa. Non c’è una scelta razionale di fare qualcosa, nel bene o nel male. Quello di Lena è un atteggiamento che comprendo, perché ho realizzato avere tra le mie conoscenze moltissime persone così. Quelle che passano più tempo a dare ragione al prossimo piuttosto che a formarsi una posizione personale, e che poi il giorno che esplodono fanno tantissimi danni.

A questo proposito, è nato prima Caparzo, o il suo personaggio è emerso poi, come contr'altare di Lena?
Lena non è nata da subito così come la leggete oggi. Volevo un personaggio femminile indifeso, incapace di reagire, e che venisse salvato inaspettatamente da un mostro. Mi interrogavo sulle possibilità di rendere eroe della mia storia un mostro, e mi sembrava davvero intrigante. Caparzo nel suo rifiuto della gente è deciso e non fa sconti, e un odio simile per il genere umano non ti lascia moltissime strade: la soluzione è starne alla larga, il più possibile. Proprio per questa sua natura più ritirata all’inizio è quasi impossibile, per il prossimo, riconoscere in lui il mostro.
Il personaggio di Lena è sicuramente quello che accenderà di più le discussioni, perché ci sarà chi la odierà e chi la compatirà.
Ho avuto esattamente questo tipo di feedback da chi lo ha letto in anticipo, dal “la odio, la odio un sacco!” al “però poverina, è debole…”. Di mio, dico che non volevo creare un personaggio positivo: la trasformazione di Lena, alla fine, è la trasformazione in qualcosa di più mostruoso di Caparzo. Quelle che le importa è di farla franca, e anzi, nel momento in cui sente di potersela cavare va tutto bene. Fino a quando qualcosa non la danneggia personalmente, non c’è nessun controcanto interiore, nessuna voce di coscienza che le dica di fermarsi.

Mi ha incuriosita molto il tuo partire, per spaventarci tutti quanti, dall’oggetto che fa parte delle nostre vita e da cui, a modo nostro, dipendiamo: il cellulare. Già nel flusso di pensiero di Lena che apre “Io so chi sei” emerge la sua natura indecisa e confusionaria, e anche un po’ imbranata: una persona più equilibrata avrebbe o buttato la SIM per tenere il telefono per sé, o lo avrebbe gettato via senza troppi pensieri. Visto il ruolo cruciale che hanno i messaggi nel momento dell’avvio della vicenda, mi chiedevo quale fosse il tuo rapporto con il cellulare e quanto di te fosse finito nel libro.
Se esco di casa e dopo 500m realizzo di averlo dimenticato, mi viene l’ansia! Il problema del cellulare sta nel suo essere un canale, non più solo uno strumento, e nel suo essere un canale che, in entrata, possiamo controllare fino a un certo punto. Possiamo bloccare numeri e cancellare messaggi, ma la realtà è che possono arrivarci telefonate non richieste, o possiamo vedere cose che mai vorremmo sulle nostre bacheche Facebook perché all’improvviso un amico insospettabile sceglie di condividerle. Il punto è proprio questo: l’unica forma di tutela è non avere un cellulare, perché altrimenti il controllo è suo, non nostro.
La scelta del mondo animalista è interessante, da cosa è stata determinata?
L’ho frequentato per molti anni, ahimè, e se è vero che ho trovato persone ed emozioni straordinarie, ho anche trovato i talebani, che considero dei folli. Sono quelli che non vogliono trovare la situazione più accettabile, che non offrono alternative o soluzioni concrete a nessuno, perché per loro o tutto oppure… tutto. Nemmeno il niente è contemplato. Negli anni in cui ho fatto la volontaria, e ospitato io stessa dei cani per dare una mano, mi sono scontrata spesso con queste persone, che non sono in grado di vedere la realtà con lucidità.

L'anno scorso ci siamo incontrate per parlare di "Non ti faccio niente" (che troverete in libreria in formato Pickwick dal 12 Giugno) e hai definito la colpa "un cappotto scomodo, facile da ritrovarsi addosso senza rendersi conto", dicendo che "la definizione di ciò che è colpa non è uguale per tutti, e viene sempre da fuori".
Quali sono i personaggi che hanno più colpa, all'interno del romanzo?
Voglio menzionare i genitori di Lena, perchè sì, lei è un'inetta, ma loro... dio santissimo!
Sono figure marginali, però la madre è proprio una nullità. Non esiste al di fuori della casa, e anzi, non va nemmeno a trovare la figlia. Il padre ci va, sebbene lo faccia più per criticarla che per sostenerla, ma la madre...
Di fatto, quando la figlia ha bisogno d'aiuto i genitori non esistono: quando Lena non corrisponde più all'immagine di figlia perfetta, quando i loro canoni di vita non corrispondono più, per i genitori la delusione supera l'amore.
Per esempio, quando il padre le lava i piatti, non lo fa per aiutarla: lo fa per sottolineare che lei non aveva provveduto. Una critica mascherata da falsa gentilezza.

Quella di "Io so chi sei" è stata una lettura fatta in velocità, ma a voi consiglio di assaporarlo, concedendovi il tempo di entrare a fondo nella storia e nelle sue sfumature, perchè la scrittura di Paola è la dieci e lode.
Consigliatissimo, davvero.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

"Eyeshadow Palette Anniversary" di Kat Von D: tutti gli swatches e le mie prime impressioni

Buongiorno a tutte, fanciulle!
Dieci anni fa Kat Von D lanciava la sua linea di cosmetici, diventata nel tempo una delle preferite dalle beauty addicted di tutto il mondo - Italia inclusa: non so voi, ma io non posso più fare a meno del suo eyeliner!
Dieci anni dopo, una collezione speciale dal packaging dorato celebra i traguardi raggiunti e quelli che riserva il futuro, e io non potevo farmi scappare la meravigliosa "Eyeshadow Palette Anniversary" (49,50€):
Sedici ombretti intensi e ultra pigmentati, declinati nei finish mat, metallizzato e shimmer, i cui nomi si ispirano a quelli dei dieci testimonial della campagna, provenienti da vari orizzonti e che rappresentano le diverse sfaccettature di Kat Von D Beauty: artisti, poeti e amanti della vita.

Impossibile resistere alla tentazione di posare le dita e il pennello su ogni cialda, ed ecco gli swatches di ogni ombretto, prima la fila superiore e poi l'inferiore:
Un'ottima selezione di tonalità vibranti e neutre, che la rende la palette perfetta per il giorno e per la sera, e dall'ottima pigmentazione. Basta appoggiae il dito sulle cialde, e guardate che colore:
Mi sono innamorata del verde brillante, del blu, dell'oro, ma a rendermi davvero felice è stata la presenza di un color panna opaco, spesso non pervenuto e che invece uso sempre per sfumare e illuminare appena il trucco sotto l'arcata sopraccigliare.
Ho realizzato tre makeup, finora, due da giorno e uno da sera, e la mia prima impressione è stata ottima, se non fosse per quel color pesca shimmer (sopra il panna, a destra nella foto sopra) che durante l'applicazione si è rivelato un po' polveroso.
Poco male per me, che non uso il fondotinta e quindi posso tranquillamente pulire il viso con o struccante, ma se avessi dovuto "salvare la base" avrei sicuramente perso tempo.
Il verde è strepitoso se steso come eyeliner con un pennellino inumidito, e lo stesso vale per il blu.
L'oro crea punti luce pazzeschi, e abbinato agli altri toni caldi perfette di realizzare un trucco nei toni del tramonto davvero invidiabile.
È sicuramente la palette che porterò con me in vacanza quest'estate,
L'INCI completo della palette, è consultabile sul sito Sephora qui.

Acchiappatela in negozio, è un'edizione limitata che non sarà disponibile a lungo... e poi ci si pente sempre di essersele lasciate sfuggire. Io penso ancora a palette "perse" anni fa.
Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!

lunedì 4 giugno 2018

#LushNaked: a Milano la bellezza... si spoglia!

Buongiorno a tutte, fanciulle!
Giugno è iniziato all'insegna della bellezza... e della nudità.
Avete letto bene: nudità.
Lush ha riaperto lo store di via Torino a Milano con una grande, grandissima novità: via il packaging, e tanti, tantissimi prodotti "nudi"!

Meno confezioni significa meno plastica, e meno inquinamento degli oceani: ogni anno imballaggi, bottiglie, confezioni e frammenti plastici invadono le nostre acque, mettendo a repentaglio la vita di sempre più creature viventi che se ne nutrono per errore, vi si impigliano restandone intrappolati o, addirittura, uccise.

Lush è da sempre in prima linea nella lotta contro l'animal testing e contro l'inquinamento, e anche nella lotta allo spreco di plastica: il programma di restituzione dei contenitori vuoti (azione incentivata dal regalo di una maschera fresca), d'altronde, è nato proprio così.
E oggi un passo in più verso mari più puliti lo fa così, con una versione "nuda" di tutti (o quasi) i prodotti più celebri, dai saponi ai detergenti viso, passando per bagnoschiuma e maschere per capelli, senza farci mancare gli irrinunciabili shampoo solidi o le famose bombe da bagno.
Ho fatto un salto nel nuovo store per una giornata all'insegna della scoperta di tutte queste piccole, grandi meraviglie profumate, ed è inutile dire che è davvero impossibile uscire a mani vuote:
Un nuovissimo olio solido da doccia, "Minamisoma", moltissimi esfolianti corpo tra i quali spicca "Cherrysh", a forma di cuore e decorato da una coloratissima coppia di ciligie, sono solo due delle novità che vi aspettano in negozio!
L'angolo dei saponi, davvero superprofumato, svela una delle novità più interessanti: non più forme da tagliare, ma saponette già pronte da infilare nel cestino e portare a casa.
Tra le novità, segnalo sicuramente "Birch", decorato proprio con splendide betulle e dal profumo di bosco che sa di estate e di fresco come poche altre cose al mondo: ne ho comprati due!
Ci sono poi i tre saponi pressati a freddo, che al tatto ricordano gli shampoo solidi e che, sono sicura, vi conquisteranno alla prima annusata: il profumo è a dir poco celestiale.
E che dire dei bagnodoccia solidi, a forma di bottiglia?
Non manca nulla, nemmeno il tappo nero, ed è tutto prodotto! Niente acqua a fare volume (e far aumentare il peso, aumentando il costo di distribuzione e, di fatto, del prodotto: dire no al packaging vuol dire anche prezzi più bassi)!
Mi sono innamorata degli oli da bagno monouso, che occupano una coloratissima - e profumatissima - parete, e fremo dalla voglia di provare "Dreamtime", per rilassare e conciliare il sonno:
Ma non si può non parlare del prodotto portavoce della lotta all'abbandono di plastica negli oceani, giusto? Lush ha pensato a una Jelly Bomb da bagno davvero speciale, a forma di tenerissima tartaruga (e che si chiama Turtle Jelly Bomb):
Colorerà l'acqua del vostro bagno di un verde brillante, e la consistenza a metà tra il gelatinoso e il cremoso la rende una coccola morbida, oltre che super idratante.
Più una sorpresa al suo interno: mano a mano che la bomba da bagno si scioglie, dei sottili fili di Agar Agar, dalla consistenza simile alla plastica, si liberano nell'acqua, come reminder di ciò che le tartarughe trovano ogni giorno nelle acque attorno a loro.
Pensateci, la prossima volta che avrete tra le mani una bottiglietta di plastica (e procuratevi una borraccia: ne esistono di bellissime, da riempire più volte e davvero ecologiche rispetto alla profusione di bottiglie e bottigliette. Io mi sono convertita alla borraccia e non credo tornerò mai indietro).

Meno packaging e più novità, meno sprechi e più profumi: #LushNaked è tutto questo, e vi invito a fare un giro esplorativo nel punto vendita di via Torino a Milano, rigorosamente armati di cestino perchè come non cedere alla tentazione? Come?!

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

venerdì 1 giugno 2018

Isabelle Ronin in libreria con "Red" e "Always Red"!

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a Isabelle Ronin, che approda in libreria a Giugno con la sua duologia "Chasing Red", edita Mondadori:
Ma vediamo i due volumi, e scopriamone le trame.
"Red" sarà in libreria il 5 Giugno, e tutto ha inizio con una serata in discoteca e un abito rosso davvero difficile da ignorare:
Rilegato a 17,90€
Una discoteca. Una serata folle. Un vestito rosso fuoco. Uno scambio di sguardi. Questione di attimi. Attimi in cui tutto, all'improvviso, cambia. Così inizia la storia di Caleb e Veronica. Lei, ventun anni, è sola al mondo e per un tragico gioco del destino si ritrova contemporaneamente senza soldi e senza casa. Disperata, decide di affogare tutta la tristezza in un'ultima notte di sfrenato divertimento. Non immagina certo che di lì a poco incontrerà un ragazzo bellissimo che le offrirà la possibilità di risollevarsi e allo stesso tempo le stravolgerà l'esistenza. Lui, fino a quella notte, pensava di avere già tutto quello che un ventenne può desiderare. Ricco, adorato da tutti, un futuro brillante davanti a sé. Ma non appena posa lo sguardo su "Red", la ragazza dal vestito rosso fuoco, per la prima volta nella sua vita sente di desiderare qualcosa, o meglio qualcuno, con tutto se stesso. Senza pensarci due volte, si offre di aiutarla e le propone di trasferirsi a casa sua. E la ragazza, pur riluttante, accetta. Fidarsi delle persone non è facile per lei. Troppe volte è stata delusa e ferita. Ma quel ragazzo sembra diverso. È come il sole, caldo e luminoso, ed è difficile non desiderare stargli vicino. Inizia così la loro convivenza, tra i tentativi di Veronica di tenere lontano il ragazzo che l'ha condotta fuori dalle tenebre e quelli di Caleb di scalfire l'armatura che lei si è costruita negli anni per proteggersi. Perché di una cosa è certo: vuole fare parte del mondo di Red, vuole conoscere tutti i segreti nascosti dietro ai suoi occhi da gatta e trasformare il fuoco che sente bruciare in lei in un incendio indomabile.

Invece per scoprire il seguito, "Always Red", dovremo aspettare il 3 Luglio:
Rilegato a 17,90€
Per Red la vita è stata sempre in salita. Tutto quello che ha se l'è dovuto sudare. E per riuscirci ha dovuto essere molto più forte della maggior parte delle persone. Perché, alla fine, non ha mai potuto contare sull'aiuto di nessuno. E ha imparato in fretta che spesso la gente è egoista. Vuole sempre qualcosa da te e una volta che l'ha ottenuta sparisce. Per questo si è rintanata dietro a un muro impenetrabile, che nessuno è mai riuscito a scavalcare: se diventi irraggiungibile, niente e nessuno può ferirti. Poi però è arrivato Caleb e tutte le sue convinzioni sono state spazzate via. Lui le ha insegnato cosa vuol dire amare ed essere amata. Le ha fatto capire cosa sia la tenerezza, cosa significhi essere desiderata, bramare di essere toccata, baciata. Ma quando sei "una ragazza dal cuore spezzato che possiede solo una valigia piena di storie tristi", non è facile lasciarsi andare completamente fino a mostrarsi vulnerabile. Così Red, senza quasi rendersene conto, più sente Caleb farsi strada attraverso le crepe del suo muro di diffidenza, più si ritrae, spaventata e incapace di fidarsi completamente di lui. Ma quando si permette al dolore e all'orgoglio di avere la meglio, il rischio è di perdersi e di perdere l'unica possibilità di essere davvero felici, soprattutto se vicino hai chi non aspetta altro per portarti via colui che potrebbe regalartela, la felicità.

Che dite, siete curiosi?
Riuscirà Caleb a rubarvi il cuore?

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3