sabato 19 agosto 2017

NOTD: KIKO Milano Smart Fast Dry Nail Lacquer
in "#030 Blu Cobalto"

Buongiorno a tutte, fanciulle!
Nuovo giorno, nuovo smalto: la promozione KIKO Milano sugli smalti è in scadenza, quindi eccon un altro suggerimento se foste ancora indecise sui colori da portarvi a casa:
Il colore del giorno è un bellissimo blu, lo #030 Blu Cobalto" della linea Smart Fast Dry Nail Lacquer di KIKO Milano (2,50€ per 7ml, al momento in promozione a 2€ e incluso nella promozione "acquista 3 smalti e ricevi 3 smalti gratis di cui vi parlavo qui).
Un blu scuro che trovo elegantissimo, una tonalità che adoro sfoggiare in autunno e che è un dupe perfetto di un blu meraviglioso proposto da Essie due anni fa, "Style Cartel" - swatches qui - quindi se allora non avevate trovato lo smalto o non avevate voluto spendere 12€ adesso potete rimediare spendendone solo 2.
Pennello super, asciugatura rapida e ottima resistenza quando la sottoscritta si è dimenticata di aver appena fatto le mani e ha deciso di aprire una lattina con le unghie: consigliatissimo e assolutamente da avere entro l'autunno ;)

Un bacio a tutte, fanciulle!
A presto <3

venerdì 18 agosto 2017

NOTD: KIKO Milano Smart Fast Dry Nail Lacquer in
"#039 Vintage Red"

Buongiorno a tutte, fanciulle!
Questo venerdì sarà all'insegna del rosso tramonto, a cominciare dallo smalto che mi accompagnerà nelle prossime ore:
Lui è "039 Vintage Red" di KIKO Milano, e fa parte del range permanente della linea Smart, gli smalti ad asciugatura rapida (2,50€ per 7ml).
Grazie ad un pennello davvero ottimo, il colore si stende alla perfezione senza sbavature e senza bollicine, e stavolta lo smalto è perfettamente coprente in sole due passate leggere.
Anche questo smalto partecipa alla duplice promozione che vede tutta la linea Smart in saldo a 2€ invece di 2,50€ e che vi permette di ricevere tre smalti gratis ogni tre smalti acquistati (è un "paghi 3 prendi 6", insomma), che abbatte il costo dello smalto riducendolo a 1€ a flacone.
Avete tempo fino al 20 Agosto, e potete approfittarne sia nei negozi che sul sito, quindi se avete puntato almeno tre colori tra i 78 disponibili è il vostro momento ;)
Qui potete vedere lo "016 Vino Scuro", assolutamente da avere in vista dell'autunno.

Un bacio a tutte, fanciulle!
A presto <3

giovedì 17 agosto 2017

NOTD: KIKO Milano Smart Fast Dry Nail Lacquer
in "#016 Vino Scuro"

Buongiorno a tutte, fanciulle!
Oggi voglio mostrarvi le mie unghie del rientro, e segnalarvi una promozione KIKO davvero imperdibile!
Ma partiamo dallo smalto che ho steso ieri, appena sistemata la valigia e fatta partire la lavatrice:
Si tratta dello smalto #016 Vino Scuro della linea Smart Fast Dry Nail Lacquer di KIKO Milano (2,50€ per 7ml), un color vinaccia che sa già di autunno ma al quale io non so resistere nemmeno in estate. O in primavera. E perchè no, anche in inverno.
Quelle che vedete in foto sono due passate leggere, e anche se con una terza avrei ottenuto la coprenza totale ho preferito non scurirlo ulteriormente.
Questi smalti hanno, dalla loro, un tempo di asciugatura davvero molto ridotto e un pennello più che discreto, che vale decisamente di più del prezzo superaccessibile del prodotto.
E perchè ve lo mostro proprio adesso?
Ma perchè è ancora in corso da KIKO Milano (sia in negozio che online) la promozione che vi permette, acquistando tre smalti, di riceverne altri tre gratis.
Al momento conviene davvero perchè gli smalti sono già scontati, e le promozioni sono cumulabili.

Io ne ho acquistati 6 della linea Smart, al momento scontata da 2,50€ a 2€, preparandomi così all'autunno con vinaccia, mattone, grigio, blu royal, grige e carta da zucchero, e ho speso 6€ per sei smalti. 1€ a smalto invece di 2,50€ non è affatto male ;)
Qui trovate tutte le informazioni sulla promozione, che convolge diverse linee e che potete sfruttare anche online se non avete un negozio KIKO Milano vicino a voi.

Un bacio a tutte, fanciulle!
A presto <3

mercoledì 16 agosto 2017

"Testimone ostile": la serie Witness di Rebecca Forster arriva in Italia!

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
Oggi scopriamo in anteprima "Testimone ostile" di Rebecca Forster, edito TimeCrime (rilegato a 14,90€) in uscita il 31 Agosto:
Hannah Sheraton ha sedici anni quando viene arrestata con l’accusa di aver assassinato un giudice della Corte suprema della California. Se venisse riconosciuta colpevole, la sua vita e quella dei suoi familiari sarebbero distrutte. A sua madre Linda non rimane che chiedere aiuto a una vecchia compagna di college, Josie Bates, importante avvocato penalista ritiratosi dalle grandi scene giudiziarie. Ma il caso di Hannah Sheraton è complesso, inquietante, per alcuni aspetti indecifrabile, e Josie non ha altra scelta che prendersene carico, anche a rischio di ripercorrere una strada che aveva deciso già da tempo di abbandonare. Ma più a fondo Bates scava nel terreno che ha nutrito e fatto crescere il seme della violenza, più chiara diventa in lei la consapevolezza che a condannare intere fette della società a un destino di rassegnazione e ingiustizia sono gli intrighi della politica e le connivenze di chi rappresenta la legge.

Primo capitolo della Witness Series, che ha debuttato in libreria nel 2004 e che vede protagonista il determinato avvocato Josie Bates, si preannuncia come la lettura perfetta per gli appassionati di legal-thriller.
Ispirato a una vicenda reale, fa luce sui meccanismi a volte perversi e violenti della giustizia, nei confronti della fetta più problematica della società: i minori.
L'autrice ha al suo attivo più di 33 romanzi, e ha partecipato attivamente come insegnante al prestigioso Writers Program della UCLA.
Sono molto curiosa, e voi?

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

martedì 15 agosto 2017

"MAD. Nessun limite" di Chloé Esposito

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "MAD. Nessun limite" di Chloé Esposito, edito Tre60 (rilegato a 16,80€) in uscita il 31 Agosto:
«C’è una cosa che dovete sapere: il mio cuore è al posto sbagliato.
Tutti i miei organi interni si trovano sul lato opposto rispetto al normale.
Sono fatta a rovescio: uno scherzo della natura.
Sette miliardi di persone su questo pianeta hanno il cuore sul lato sinistro.
Il mio è a destra. Non vi sembra un segno?
Il cuore di mia sorella è al posto giusto.
Elizabeth è perfetta, dall’inizio alla fine.
Sono l’immagine speculare della mia gemella, il suo lato oscuro, la sua ombra.
Lei ha ragione e io ho torto. Lei è destrorsa e io mancina.
Sono la sorella sinistra. Beth è un angelo, e quindi io cosa sono?
Aspettate a rispondere…»

Alvina Knightly non è una donna come le altre. È nata col cuore a destra, nel posto sbagliato. È per questo che tutto, nella sua vita, è andato storto? Forse. Ma ora il destino le ha offerto l’occasione di prendere il posto della sua gemella, Elizabeth. La sorella che ha il cuore al posto giusto. Che è sposata con un uomo affascinante e ha un bellissimo bambino. Che è buona, ricca, altruista. Perfetta. 
Ma prendere il suo posto significa entrare completamente nella sua vita. Significa che Elizabeth non ci deve essere più... Significa che deve morire.
Per vivere l’esistenza che ha sempre desiderato, per vendicarsi di tutto il male che ha subito, Alvina è disposta a uccidere. Ma sbarazzarsi della sorella è soltanto il primo passo. Il secondo è mantenere il segreto. Ed è molto, molto più difficile...

Ero curiosissima. Anzi, di più.
Ho iniziato a leggere "MAD. Nessun limite" di Chloe Esposito mentre ero ancora al mare, e stavo per bruciarmi la schiena tanto ero presa dalla lettura - mi ero completamente dimenticata di spostarmi all'ombra, ehm...
Pericoli a parte, eccomi qui a raccontarvi uno degli arrivi più interessanti di questa chiusura d'estate che sa già di novità d'autunno.

Mai sognato di avere un gemello?
Alvina ha sognato spesso di NON averne una, soprattutto una perfetta come Beth, che l'ha messa in ombra sin dalla nascita e che, per quanto la riguarda, è stata solo fonte di frustrazione, invidia e rabbia.
Certo ora non va meglio: Alvina ha un lavoro che non sopporta, vive in un appartamento orribile del quale non paga regolarmente l'affitto senza però mancare di rubare cibo e soldi ai suoi coinquilini, il tutto mentre Beth vive una vita da sogno in una splendida villa a Taormina, moglie del ricco ed affascinante Ambrogio e vestita di abiti firmati da capo a piedi.
Quando Alvina viene licenziata e, più o meno in contemporanea, invitata a raggiungere Beth a Taormina, i giochi sono fatti: la ragazza si presenta al cognato venuto a prenderla ubriaca e vestita di abiti non suoi rubati da una valigia al ritiro bagagli (per non smentirsi mai), ed è pronta a godersi la sua vacanza nel lusso e nello sfarzo.
Ovviamente, nulla va come aveva immaginato: la vita da sogno di Beth è ricca di ombre e segreti, e quando la sorella le chiede - supplicandola, addirittura - di "prendere il suo posto" per qualche ora, mette in moto una catena di eventi impossibile da arrestare.
L'irrequieta, ma alquanto sprovveduta . Alvina si trova catturata in una rete di bugie, di inganni, di fughe non riuscite e di relazioni clandestine dalla quale sembra impossibile riuscire a scappare...

Una premessa necessaria: uno dei punti di forza di "MAD. Nessun limite" è la voce arrogante, sfrontata, assolutamente fastidiosa di Alvina, protagonista assoluta.
Alvina è trasandata, antipatica, pigra, presuntuosa e sicuramente non una protagonista con la quale scatta l'immedesimazione immediata: nessuno vorrebbe essere come lei.
Eppure, è impossibile non farsi catturare quanto lei dalla catena folle di eventi che la vedono protagonista in quella che doveva essere solo una vacanza.
Un attimo prima Alvina sta girando per il giardino, soddisfatta dei suoi nuovi sandali dorati firmati ottenuti dalla sorella in cambio di aver preso il suo posto per qualche ora, e nell'arco di 48 ore si trova a dover gestire cadaveri da nascondere alla polizia, uno scultore focoso con il quale la sorella a quanto pare non si limitava a parlare di arte, una casa che non sembra più un castello ma una prigione dorata.
Quello che era un romanzo dall'insolita voce narrante si tinge di rosso sangue, e il profumo della vendetta copre quello dei limoni e del sensualie "Armani Black Code" del cognato, uomo ambiguo quanto affascinante.
Se le prime cinquanta pagine non sono, ahimè, le più scorrevoli, non demordete: dall'arrivo di Alvina a Taormina, il romanzo di Chloé Esposito diventa impossibile da mettere giù.
Così come diventa impossibile non associarne lo svolgimento a quella che è stata più volte definita "la banalità del male".
È facile uccidere qualcuno?
La prima volta, sì: il nostro stesso istinto di conservazione della specie ci rende molto difficile uccidere un nostro simile a mente lucida.
E uccidere una seconda volta, e una terza? Diventa più facile?
La risposta di Chloé Esposito è un sì, un sì deciso: anche l'azione più spregevole, se ripetuta, diventa semplice.
Diventa qualcosa che la nostra mente riesce a razionalizzare.
Alvina non è una criminale, quando la incontriamo la prima volta: è solo una ragazza priva di obbiettivi e di voglia di fare.
Ma quando ci congediamo da lei voltando l'ultima pagina di "MAD. Nessun limite", è una persona diversa. È una persona capace di uccidere, di mentire davvero (e non solo per uscire prima dall'ufficio), di guardare il suo riflesso allo specchio e reggere il peso di ogni sua azione e ogni sua parola. Alvina ha un'anima oscura, ed incredibilmente affascinante.

"MAD. Nessun limite" è un romanzo peculiare e unico nel suo genere, che si muove sul filo che separa la fiction dal crime, senza accettare nessuna ettichetta e stupendo il lettore con continui colpi di scena e rivelazioni.
Consigliatissimo se vi piace uscire dagli schemi, se cercate qualcosa di diverso e se trovate la prospettiva di una protagonista oscura, e per nulla gradevole, molto interessante.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

lunedì 14 agosto 2017

"Colazione in riva al mare" di Ali McNamara

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Colazione in riva al mare" di Ali McNamara, edito Newton Compton (rilegato a 10€):
Il sole splende sulla piccola e tranquilla località di mare di Sandybridge: accoglienti negozi di souvenir, una sala da tè e un favoloso fish and chips. È il posto dove Grace è cresciuta, anche se al momento non ne è troppo contenta. Finché è rimasta a Sandybridge, ha aiutato i suoi genitori a scovare dei tesori vintage per il loro negozio d’antiquariato, ma il suo desiderio è sempre stato quello di poter girare il mondo. E a un certo punto lo ha fatto: ha cominciato a viaggiare per lavoro, si è innamorata, ha costruito una famiglia. Allora perché si trova di nuovo in quella cittadina sul mare, che si era lasciata alle spalle, e a rivedere Charlie, il suo migliore amico quando era adolescente? Forse viaggiare in giro per il mondo non era quello di cui Grace aveva veramente bisogno. Forse quello che cercava è sempre stato a portata di mano... 

Non è estate senza un romanzo di Ali McNamara: l'anno scorso ero in spiaggia, immersa tra le pagine di "Il piccolo negozio di fiori in riva al mare" (trovate ancora la recensione qui), e quest'anno è toccato a questo.
Ma due parole sulla copertina: è semplicemente ADORABILE.
Mi piacerebbe vederne di più realizzate in questo modo, e meno con le foto cheap perchè chi non vorrebbe esporre in libreria qualcosa di così carino?
Bellina davvero!

Ma veniamo a noi, e al contenuto del libro ;)
Anche stavolta, Ali McNamara fa una piccola magia con un romanzo dolce, divertente e che fa sentire bene, raccontando l'amore e l'amicizia come solo lei sa fare.
Complice una partita di calcio che nessuno dei due era ansioso di guardare e una macchina da scrivere "magica", Grace e Charlie si incontrano nel 1986 e diventano ben presto grandi amici.
Anzi, i migliori amici che si possa immaginare, al punto che tutti, attorno a loro, sembrano chiedersi come mai i due non stiano insieme.
Ma nel loro destino c'è molto di più, ed è proprio Remy, la curiosa macchina da scrivere scovata da Grace durante uno sgombero e apparentemente in grado di scriverle da sola delle lettere che le consigliano come agire in quelle che, col senno di poi, si rivelanos emrpe essere situazioni-chiave, a determinare motlo di ciò che accade loro.

Una lite tra Grace e Charlie si conclude con un brutto incidente per il ragazzo, la richiesta di impedire una disgrazia si traduce in una paralisi a entrambe le gambe per Danny, primo amore della ragazza e poi grande amico negli anni  seguire, e Grace inzia a dubitare del potere di Remy.
Insomma, ogni suo messaggio fa accadere qualcosa di brutto a qualcuno che ama.
La macchina da scrivere le fa persino sposare l'uomo sbagliato!
E invece, gli anni passano, ed è sempre più chiaro come ognuno di quei messaggi, firmati da un misterioso (o una misteriosa) "Io x", servivano a portarla là dove era giusto che fosse oggi, a trent'anni di distanza da quel ritrovamento.
Davanti all'uomo che ama davvero, che ama da quando era ragazzina, e che come lei doveva trovare la sua strada prima di poterle dire davvero di sì.

Ancora una volta un cast di personaggi strepitoso, da Charlie - sostanzialmente migliore amico del mondo e Fidanzato di Carta con i controfiocchi anche senza esserlo - a Danny - adorabile e sfrontato seduttore, che nemmeno un brusco cambio di rotta in quella che sembrava una vita già scritta riesce a fermare, passando per la nonna sforna-torte e per lei, Grace, che è una di noi fino in fondo.
È una di noi perchè è una 44 nei giorni buoni e una 46 in quelli che grazie, ma no grazie.
È una di noi perchè il cioccolato costituisce l'alimento chiave della sua alimentazione.
È una di noi perchè casca anche lei nel tranello del profumo "seducente", per poi scoprire che no, non sedurrebbe nessuno, ma al contrario provocherebbe a chiunque una fortissima emicrania.
Ma soprattutto è una di noi perchè impara da ogni errore, da ogni fraintendimento, da ogni frase detta senza pensare e da ogni "mi dispiace".

Un romanzo perfetto da infilare in borsa in vacanza e, perchè no, da gustare al rientro per continuare  a passeggiare sulla spiaggia e a sognare di vivere in un faro - perchè sì, Ali McNamara non ci fa mancare nulla e in questo romanzo c'è anche un romanticissimo faro in disuso pronto a essere rimesso a nuovo, e chi non ha mai sognato di vivere con una tale vista sul mare?
Consigliatissimo!

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

venerdì 11 agosto 2017

"Raven Boys" di Maggie Stiefvater: dal libro alla serie TV!

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa (ma non solo) di oggi è dedicata a "Raven Boys" di Maggie Stiefvater, edito da Rizzoli (brossurato a 11€), primo capitolo di una tetralogia al momento interrotta al secondo volume:
È la vigilia di San Marco, la notte in cui le anime dei futuri morti si mostrano alle veggenti di Henrietta, Virginia. Blue, nata e cresciuta in una famiglia di sensitive, vede per la prima volta uno spirito e capisce che la profezia sta per compiersi: è lui il ragazzo di cui s'innamorerà e che è destinata a uccidere. Il suo nome è Gansey ed è uno dei ricchi studenti della Aglionby, prestigiosa scuola privata di Henrietta i cui studenti sono conosciuti come Raven Boys, i Ragazzi Corvo, per via dello stemma della scuola, e noti per essere portatori di guai. Blue si è sempre tenuta alla larga da loro, ma quando Gansey si presenta alla sua porta in cerca di aiuto, pur riconoscendolo come il ragazzo del destino non può voltargli le spalle. Insieme ad alcuni compagni, Gansey è da molto tempo sulle tracce della salma di Glendower, mitico re gallese il cui corpo è stato trafugato oltreoceano secoli prima e sepolto lungo la "linea di prateria" che attraversa Henrietta. La missione di Gansey non riguarda solo un'antica leggenda, ma è misteriosamente legata alla sua stessa vita. Blue decide di aiutare Gansey nella sua ricerca, lasciandosi coinvolgere in un'avventura che la porterà molto più lontano del previsto.

Ho recuperato la lettura di questo romanzo instagrammatissimo e amatissimo all'estero dopo aver ricevuto i primi tre volumi in rilegato a Bologna, alla fiera dell'editoria infantile, circostanza per la quale non smetterò mai di essere grata a Scholastic perchè tornare a casa con una serie in wishlist, in rilegato e a costo zero è qualcosa che ogni lettore sogna.
Nonostante in Italia non sia stata un successo (ma, come al solito, bisogna anche vedere quanto e come sia stata promossa...), l'arrivo di una serie TV potrebbe forse far sperare i lettori in una ripresa.
 Ma veniamo a noi, e al romanzo!

I "Raven Boys" altro non sono che gli studenti della prestigiosa scuola di Aglionby, noti per il background di alto livello e per l'obbligo di mantenere una media alta pena l'espulsione.
Certo, per Blue rappresentano anche il tipo di ragazzi dal quale tenersi alla larga, soprattutto dopo che, la notte della vigilia di San Marco, per la prima volta ha una visione.
Non è la psichica in famiglia, anzi, è l'unica a non esserlo: il suo dono è rendere più potente e meglio leggibile ogni presenza per le psichiche della famiglia, a cominciare dalla madre Maura.
Ciò nonostante, quella notte Blue sente la voce di un ragazzo, ma prima di poter scoprire di chi si tratta la visione si interrompe: le resta solo un nome, Gansey.
Non un nome comune, certo, ma il problema è che averlo visto quella notte significa solo una cosa: il ragazzo sta per morire.
Blue vuole trovarlo, ancora non sa se per avvertirlo o per provare a capire cosa significa aver visto proprio lui, ma ancora non sa che le loro strade sono destinate a incrociarsi prima di quanto possa immaginare...
Bello, bello, bello!
Non so come altro iniziare, perchè questo romanzo mi ha stupita e conquistata oltre ogni aspettativa.
Ricca di elementi paranormali quali foreste abitate da spiriti, premonizioni, rituali magici e antichi principi leggendari che aspettano solo di essere risvegliati da un sonno secolare, è impossibile che "Raven Boys" non vi catturi e non vi lasci liberi solo una volta girata l'ultima pagina.
Maggie Stiefvater costruisce una trama intricata ma che si snoda alla perfezione per tutte le oltre 300 pagine del romanzo, e ci regala personaggi impossibili da dimenticare.
Primo tra tutti Gansey, ricco rampollo di buona famiglia appassionato di storia antica (ma scarso in latino, purtroppo per lui...) impegnato in quella che è da subito chiaro essere una vera e propria missione: rintracciare il luogo di sepoltura di Glendower, re gallese la cui storia si tinge di mito e magia e che pare trovarsi proprio lì, a Henrietta.
La leggenda narra che il sovrano, una volta risvegliato, esaudirà un desiderio al fortunato che sarà lì a ricevere questo dono, ed è qui che entra in gioco Adam, amico molto meno fortunato di Gansey.
Se epr Gansey risvegliare Glendower sarebbe sufficiente ad appagarlo, Adam punta al desiderio per cambiare la sua condizione svantaggiata. I due lavorano in team, tra antichi testi da consultare e strane apparecchiature da "acchiappafantasmi" che sembrano funzionare... soprattutto quando vicino a loro c'è Blue, figlia della psichica della città e capace di potenziare qualsiasi segnare ultraterreno solo con la sua presenza.
La ragazza non rivela a Gansey il motivo del suo interesse alla loro missione, e se con Gansey ed adam andrà d'accordo da subito, con il terzo membro della loro insolita squadra suderà un po'.
Ronan, il prototipo del bad boy con i suoi tatuaggi e la sua testa rasata, ha alle spalle una vita famigliare turbolenta e poco felice, e un talento segreto legato ai sogni che farà molta fatica a spiegare agli amici.
Infine, ultimo membro della squadra e, forse, il più dolce di tutti, è Noah: non fatevi ingannare dal suo apparente restare sempre sullo sfondo! Noah è pronto a stupirvi ;)

Ho adorato le dinamiche di gruppo, e i rapporti diversi l'uno dall'altro che legano i vari membri del gruppo: l'autrice è stata davvero abile nel dare profondità ai suoi cinque protagonisti e a renderli unici, rendendo la storia dieci volte più coinvolgente.
Quella che sembra una folle missione per appassionati di miti e leggende - ma priva di ogni concretezza - si rivela presto un'avventura capace di cambiare il corso degli eventi, fare luce su misteri rimasti sepolti nel profondo della foresta per sette lunghi anni, e chissà, avvicinare davvero i ragazzi a Glendower.
Molto inquietante l'ambientazione magico-paranormale della foresta, descritta con tale abilità da catapultare il lettore al suo interno, e imprevedibili almeno due dei principali colpi di scena del romanzo.

Assolutamente da recuperare, soprattutto in vista della serie TV in arrivo!
Ad oggi, ecco cosa sappiamo:

- a dirigere il pilot e a produrre la serie TV sarà Catherine Hardwicke, già nota per il suo lavoro con pellicole come "Twilight", "Thirteen - Tredici anni" e "Cappuccetto Rosso Sangue";

-  la produzione è in mano alla Universal Cable Productions, una sottodivisione della Universal Television che si occupa delle produzioni TV destinate ai canali via cavo del gruppo NBC Universal (tra le loro produzioni più note "Suits", "Royal Pains" e "Eureka");

- il canale di destinazione della serie TV, ad oggi, sembra essere Syfy, ma questo non esclude un possibile accordo con Netflix, strada già percorsa dalla Universal Cable Productions con precedenti produzioni.

- l'autrice sarà co-produttrice dello show, e questo fa sperare i fan in una trasposizione il più possibile fedele ai romanzi.

Che dire? Non resta che aspettare pazientemente di saperne di più, e incrociare le dita perchè questa serie è magica e merita una trasposizione come di deve ;)

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

giovedì 10 agosto 2017

"There's someone in your house" di Stephanie Perkins

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "There's someone in your house" di Stephanie Perkins, edito da Dutton Books for Young Readers (rilegato a circa 18$) in uscita il 26 Settembre in America - e il 5 Ottobre in Inghilterra se volete il paperback:
È passato quasi un anno da quando Makani Young si è trasferita dalla nonna in Nebraska, e sta ancora cercando di ambientarsi... soprattutto perchè ciò che si è lasciata alle spalle alle Hawaii continua a perseguitarla.
Poi, uno ad uno, gli studenti della scuola superiore della sua piccola cittadina iniziano a morire, vittime di assassinii sempre più spietati.
Mentre la paura dilaga e la caccia al killer è sempre più frenetica, Makani si rende conto che dovrà affrontare i suoi segreti più oscuri...
Stephanie Perkins, autrice della serie bestseller apertasi con "Il mio primo bacio a Parigi", ritorna con un approccio fresco e innovativo al soft-horror adolescenziale, regalando ai lettori un romanzo impossibile da abbandonare prima di essere giunti all'ultima pagina.

Ricordate la serie dolcissima e supertenerella edita in Italia da DeAgostini, "Il mio primo bacio a Parigi" e "Il primo amore sei tu"? Purtroppo è una serie che non è stata promossa granchè e da noi non è decollata, tant'è che il terzo romanzo ancora non lo abbiamo visto e probabilmente non lo vedremo mai, MA Stephanie Perkins resta una delle autrici YA che preferisco, perchè oltre a quella coccolosa trilogia ha anche curato due raccolte di novelle che coinvolgono letteralmente tutti i migliori autori di romanzi YA in circolazione.
Ecco, l'autrice ha deciso di stupire tutti e scrivere un soft-horror YA, in cui di tenerezza ce n'è ben poca.

Makani Young è una ragazza timida, introversa, e non ancora del tutto inserita nella comunità e nella scuola in cui muove da quasi un anno, dopo che dalle Hawaii si è trasferita in Nebraska, per vivere con la nonna ormai anziana e bisognosa di assistenza.
Nonostante questo, ha un gruppo di amici capaci di coinvolgerla e farla uscire dal suo guscio almeno un po', dalla sempre sfrontata e sopra le righe Alex al singolare Darby.
Ovviamente Makani ha anche una cotta, e che cotta: a farla battere il cuore è l'outsider della scuola, Ollie, fratello minore di uno dei poliziotti della città e orfano di entrambi i genitori in seguito a un incidente d'auto.
Ollie è un solitario ed è vittima di ogni forma di diceria in città, ma è anche il ragazzo che si tinge i capelli di rosa shocking giusto per dare a tutti qualcosa di stupido di cui parlare: impossibile non adorarlo.
Tra i due c'è stato un flirt molto coinvolgente, interrottosi bruscamente in seguito a un brutto fraintendimento, ma l'ondata di paura che investe la città quando i ragazzi più dotati della comunità iniziano ad essere uccisi in modo violento e allo stesso tempo molto teatrale li fa riavvicinare.
E per fortuna, perchè ancora non sanno quanto vicino sia il killer sconosciuto, e quanto li stia già osservando, nascosto nell'ombra...
Stephanie Perkins passa con agilità dalla dolcezza al truculento, con un romanzo che ho divorato in treno e che dovrò assolutamente avere in libreria nella sua versione definitiva (ho avuto la fortuna di aggiudicarmi un'ARC cartacea del romanzo allo YALC, a Londra).
Da un lato abbiamo il senso di paura e di inquietudine che cresce e coinvolge mano a mano tutta la città, soprattutto quando diventa chiaro che il killer è qualcuno del posto, quindi qualcuno che tutti conoscono - il killer conosce gli orari delle vittime, ne conosce le inclinazioni e le attività, e si premura sempre di ucciderle in modo molto teatrale con chiari riferimenti alle loro vite. A una ragazza dotata di grande talento canoro recide le corde vocali, a un musicista taglia le mani, e via dicendo - e dall'altro assistiamo allo sviluppo di una storia d'amore dolce e tenera nella migliore tradizione dell'autrice, perchè Makani e Ollie sono due anime perse che, insieme, si ritrovano.
Ollie ha perso i genitori in un incidente d'auto, Makani forse non li ha mai avuti sul serio visto il totale disinteresse della madre nei suoi confronti, ed entrambi sono outsider in un posto poco disposto  a perdonare gli errori e le diversità.
Proprio eprchè stiamo parlando di un posto piccolo in cui tutti si conoscono, è inevitabile che la rivelazione dell'identità dell'assassino arrivi ben prima della fine del libro, ma questo non rende il resto meno avvincente: il killer è scaltro, veloce, e abbastanza abile da uccidere altre persone anche quando l'intera città è già sulle sue tracce.

Unica critica che mi sento di fare, è che quando arriva il momento della rivelazione del "suo" movente, si resta leggermente delusi.
Mi aspettavo che alla serie di delitti cruenti seguisse qualcosa di più grande, ecco.
Ma forse è una scelta voluta per rendere ancora più miserabile il personaggio del killer, che si rivela così essere ancora più disturbato di quanto non si pensasse già.

Mi è invece piaciuto moltissimo il modo in cui ha introdotto ogni vittima, permettendo al lettore di conoscerla quel tanto che bastava per mettere insieme i tasselli del puzzle e capire cosa le accumunasse, quale fosse il movente. Se si legge con attenzione è anche possibile indovinare quale sarà l'ultima vittima del romanzo, quindi occhi aperti ;)

Sono davvero felicissima di averlo letto perchè mi ha fatto apprezzare la versatilità di quest'autrice capace di passare dai primi baci e le prime coccole a killer spietati che recidono le corde vocali o le orecchie delle loro vittime, e di coinvolgermi in entrambi i casi.
Ovviamente dopo aver finito di leggere i libro ho dovuto controllare per bene la serratura della porta di casa e tutte le finestre ;)
Consigliatissimo se siete fan dei film della serie Scream e della serie TV "Scream Queens"!

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3