mercoledì 23 agosto 2017

#BTS Episode I: i cinque titoli imperdibili di Settembre

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
Per la prima volta da tanto tempo, torna sul blog una vera e propria serie di post a tema, e parliamo di ritorno a scuola con #BTS, ovvero #BackToSchool!
Scopriremo insieme tutto ciò che ci farà compagnia nel nostro rientro: i libri da non perdere, le nail-art ispirate alla scuola (ebbene, sì), il beauty-case perfetto da infilare nello zaino, il pranzo al sacco ideale e molto altro!
E partiamo proprio dalle letture, da scoprire o da consigliare alla compagna di scuola che potrebbe apprezzarle se...

... sogna di trovare l'amore là dove non se lo aspetterebbe mai:
... è un'attivista convinta ed appassionata, che difende le cause in cui crede a spada tratta:
La recensione in anteprima di questo romanzo vi aspetta qui!
... sogna di studiare all'estero, magari... chissà, proprio in Giappone:
... vorrebbe sentirsi meno parte della tappezzeria e più sotto i riflettori:

... legge per esplorare mondi fantastici e pieni di magia:
Quale romanzo vi accompagnerà sull'autobus andando a lezione?
Cosa infilerete nello zaino?

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

lunedì 21 agosto 2017

"Nulla, solo la notte" di John Williams

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Nulla, solo la notte" di John Williams, edito Fazi Editore (rilegato a 13,50€):
"Questa stanza è come la mia anima: sporca e disordinata". L'anima di Arthur Maxley è opaca, stretta nell'incertezza della giovane età e in una biografia familiare amara, dove la protezione dei genitori si è polverizzata quando era ancora un ragazzino. Arthur spende la giornata estiva che fa da cornice a questo romanzo breve a San Francisco: qui ci sono le feste di Max Evartz, dove si beve troppo, e l'amico Stafford Lord, sempre in ritardo e terribilmente lamentoso, un giovane viziato da sogni irrealizzabili. Ma non sono le frequentazioni quanto i pensieri ad affollare la mente di Arthur, frammenti di ricordi di un'infanzia che ha al centro una voragine, una madre perduta senza sapere quale sia stata la causa e un padre, uomo d'affari sempre in giro per i continenti, il quale proprio in questo giorno è in città e propone al figlio un incontro. Ed è allora che le parole non si trovano e quelle che vengono pronunciate sono troppo poche e deboli, in un dialogo che non concede nulla al rapporto tra un genitore e un figlio. È a partire da Luisant's, un club immerso nelle strade della metropoli, che consuma la notte e la delusione, un cocktail dopo l'altro con una donna che diventa compagna di solitudini e seduzioni.

Manca sempre meno all'uscita di "Augustus" di John Williams, e per prepararmi ho deciso di recuperare la lettura di "Nulla, solo la notte" che languiva in libreria dal #SalTo16 (ebbene, sì).
E meno male che l'ho fatto!

Meno male perchè "Nulla, solo la notte" è davvero una gemma.
La parabola discendente (o forse no) di un uomo che deve riuscire a liberarsi di tutte le sconfitte che lo hanno sempre definito, per trovare (forse) se stesso.
Non in uno squallido locale troppo buio e troppo caldo, non nelle chiacchiere vuote con un padre che lo ha tenuto a distanza, non ricordando una madre instabile che ha distrutto la sua famiglia, non pensando alla vita vuota e priva di successi che conduce.
Ma chissà, questa potrebbe essere la sera giusta.
Quella in cui incontrare una donna e, complice un bicchiere di troppo, toccare il fondo.
Perchè dal fondo si può solo risalire, anche quando si è Arthur Maxley.
Il primo lavoro di John Williams è già un capolavoro, e questo è ciò che ci fa rendere conto ancora una volta di essere davanti all'opera di un autore straordinario.
"Stoner" era una perla rara, ma" Nulla, solo la notte" non è da meno.
Bastano poche righe, ed è come se Arthur Maxley fosse seduto accanto a noi, le spalle curve e lo sguardo spento, con i suoi ricordi troppo dolorosi e la sua mancanza di entusiasmo per la vita.
Ma sarà sempre quell'unica, orribile notte a definire Arthur e a condizionare ogni sua azione, o l'uomo riuscirà a scrollarsi di dosso il passato e andare avanti?

Con una prosa raffinata e pulita, in cui nulla manca e nulla è di troppo, John Williams ci racconta la perdita dell'innocenza e il tramonto delle ambizioni, ma anche - chissà - la possibilità di un nuovo inizio.
Semplicemente sublime, e assolutamente da scoprire.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

sabato 19 agosto 2017

NOTD: KIKO Milano Smart Fast Dry Nail Lacquer
in "#030 Blu Cobalto"

Buongiorno a tutte, fanciulle!
Nuovo giorno, nuovo smalto: la promozione KIKO Milano sugli smalti è in scadenza, quindi eccon un altro suggerimento se foste ancora indecise sui colori da portarvi a casa:
Il colore del giorno è un bellissimo blu, lo #030 Blu Cobalto" della linea Smart Fast Dry Nail Lacquer di KIKO Milano (2,50€ per 7ml, al momento in promozione a 2€ e incluso nella promozione "acquista 3 smalti e ricevi 3 smalti gratis di cui vi parlavo qui).
Un blu scuro che trovo elegantissimo, una tonalità che adoro sfoggiare in autunno e che è un dupe perfetto di un blu meraviglioso proposto da Essie due anni fa, "Style Cartel" - swatches qui - quindi se allora non avevate trovato lo smalto o non avevate voluto spendere 12€ adesso potete rimediare spendendone solo 2.
Pennello super, asciugatura rapida e ottima resistenza quando la sottoscritta si è dimenticata di aver appena fatto le mani e ha deciso di aprire una lattina con le unghie: consigliatissimo e assolutamente da avere entro l'autunno ;)

Un bacio a tutte, fanciulle!
A presto <3

venerdì 18 agosto 2017

NOTD: KIKO Milano Smart Fast Dry Nail Lacquer in
"#039 Vintage Red"

Buongiorno a tutte, fanciulle!
Questo venerdì sarà all'insegna del rosso tramonto, a cominciare dallo smalto che mi accompagnerà nelle prossime ore:
Lui è "039 Vintage Red" di KIKO Milano, e fa parte del range permanente della linea Smart, gli smalti ad asciugatura rapida (2,50€ per 7ml).
Grazie ad un pennello davvero ottimo, il colore si stende alla perfezione senza sbavature e senza bollicine, e stavolta lo smalto è perfettamente coprente in sole due passate leggere.
Anche questo smalto partecipa alla duplice promozione che vede tutta la linea Smart in saldo a 2€ invece di 2,50€ e che vi permette di ricevere tre smalti gratis ogni tre smalti acquistati (è un "paghi 3 prendi 6", insomma), che abbatte il costo dello smalto riducendolo a 1€ a flacone.
Avete tempo fino al 20 Agosto, e potete approfittarne sia nei negozi che sul sito, quindi se avete puntato almeno tre colori tra i 78 disponibili è il vostro momento ;)
Qui potete vedere lo "016 Vino Scuro", assolutamente da avere in vista dell'autunno.

Un bacio a tutte, fanciulle!
A presto <3

giovedì 17 agosto 2017

NOTD: KIKO Milano Smart Fast Dry Nail Lacquer
in "#016 Vino Scuro"

Buongiorno a tutte, fanciulle!
Oggi voglio mostrarvi le mie unghie del rientro, e segnalarvi una promozione KIKO davvero imperdibile!
Ma partiamo dallo smalto che ho steso ieri, appena sistemata la valigia e fatta partire la lavatrice:
Si tratta dello smalto #016 Vino Scuro della linea Smart Fast Dry Nail Lacquer di KIKO Milano (2,50€ per 7ml), un color vinaccia che sa già di autunno ma al quale io non so resistere nemmeno in estate. O in primavera. E perchè no, anche in inverno.
Quelle che vedete in foto sono due passate leggere, e anche se con una terza avrei ottenuto la coprenza totale ho preferito non scurirlo ulteriormente.
Questi smalti hanno, dalla loro, un tempo di asciugatura davvero molto ridotto e un pennello più che discreto, che vale decisamente di più del prezzo superaccessibile del prodotto.
E perchè ve lo mostro proprio adesso?
Ma perchè è ancora in corso da KIKO Milano (sia in negozio che online) la promozione che vi permette, acquistando tre smalti, di riceverne altri tre gratis.
Al momento conviene davvero perchè gli smalti sono già scontati, e le promozioni sono cumulabili.

Io ne ho acquistati 6 della linea Smart, al momento scontata da 2,50€ a 2€, preparandomi così all'autunno con vinaccia, mattone, grigio, blu royal, grige e carta da zucchero, e ho speso 6€ per sei smalti. 1€ a smalto invece di 2,50€ non è affatto male ;)
Qui trovate tutte le informazioni sulla promozione, che convolge diverse linee e che potete sfruttare anche online se non avete un negozio KIKO Milano vicino a voi.

Un bacio a tutte, fanciulle!
A presto <3

mercoledì 16 agosto 2017

"Testimone ostile": la serie Witness di Rebecca Forster arriva in Italia!

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
Oggi scopriamo in anteprima "Testimone ostile" di Rebecca Forster, edito TimeCrime (rilegato a 14,90€) in uscita il 31 Agosto:
Hannah Sheraton ha sedici anni quando viene arrestata con l’accusa di aver assassinato un giudice della Corte suprema della California. Se venisse riconosciuta colpevole, la sua vita e quella dei suoi familiari sarebbero distrutte. A sua madre Linda non rimane che chiedere aiuto a una vecchia compagna di college, Josie Bates, importante avvocato penalista ritiratosi dalle grandi scene giudiziarie. Ma il caso di Hannah Sheraton è complesso, inquietante, per alcuni aspetti indecifrabile, e Josie non ha altra scelta che prendersene carico, anche a rischio di ripercorrere una strada che aveva deciso già da tempo di abbandonare. Ma più a fondo Bates scava nel terreno che ha nutrito e fatto crescere il seme della violenza, più chiara diventa in lei la consapevolezza che a condannare intere fette della società a un destino di rassegnazione e ingiustizia sono gli intrighi della politica e le connivenze di chi rappresenta la legge.

Primo capitolo della Witness Series, che ha debuttato in libreria nel 2004 e che vede protagonista il determinato avvocato Josie Bates, si preannuncia come la lettura perfetta per gli appassionati di legal-thriller.
Ispirato a una vicenda reale, fa luce sui meccanismi a volte perversi e violenti della giustizia, nei confronti della fetta più problematica della società: i minori.
L'autrice ha al suo attivo più di 33 romanzi, e ha partecipato attivamente come insegnante al prestigioso Writers Program della UCLA.
Sono molto curiosa, e voi?

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

martedì 15 agosto 2017

"MAD. Nessun limite" di Chloé Esposito

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "MAD. Nessun limite" di Chloé Esposito, edito Tre60 (rilegato a 16,80€) in uscita il 31 Agosto:
«C’è una cosa che dovete sapere: il mio cuore è al posto sbagliato.
Tutti i miei organi interni si trovano sul lato opposto rispetto al normale.
Sono fatta a rovescio: uno scherzo della natura.
Sette miliardi di persone su questo pianeta hanno il cuore sul lato sinistro.
Il mio è a destra. Non vi sembra un segno?
Il cuore di mia sorella è al posto giusto.
Elizabeth è perfetta, dall’inizio alla fine.
Sono l’immagine speculare della mia gemella, il suo lato oscuro, la sua ombra.
Lei ha ragione e io ho torto. Lei è destrorsa e io mancina.
Sono la sorella sinistra. Beth è un angelo, e quindi io cosa sono?
Aspettate a rispondere…»

Alvina Knightly non è una donna come le altre. È nata col cuore a destra, nel posto sbagliato. È per questo che tutto, nella sua vita, è andato storto? Forse. Ma ora il destino le ha offerto l’occasione di prendere il posto della sua gemella, Elizabeth. La sorella che ha il cuore al posto giusto. Che è sposata con un uomo affascinante e ha un bellissimo bambino. Che è buona, ricca, altruista. Perfetta. 
Ma prendere il suo posto significa entrare completamente nella sua vita. Significa che Elizabeth non ci deve essere più... Significa che deve morire.
Per vivere l’esistenza che ha sempre desiderato, per vendicarsi di tutto il male che ha subito, Alvina è disposta a uccidere. Ma sbarazzarsi della sorella è soltanto il primo passo. Il secondo è mantenere il segreto. Ed è molto, molto più difficile...

Ero curiosissima. Anzi, di più.
Ho iniziato a leggere "MAD. Nessun limite" di Chloe Esposito mentre ero ancora al mare, e stavo per bruciarmi la schiena tanto ero presa dalla lettura - mi ero completamente dimenticata di spostarmi all'ombra, ehm...
Pericoli a parte, eccomi qui a raccontarvi uno degli arrivi più interessanti di questa chiusura d'estate che sa già di novità d'autunno.

Mai sognato di avere un gemello?
Alvina ha sognato spesso di NON averne una, soprattutto una perfetta come Beth, che l'ha messa in ombra sin dalla nascita e che, per quanto la riguarda, è stata solo fonte di frustrazione, invidia e rabbia.
Certo ora non va meglio: Alvina ha un lavoro che non sopporta, vive in un appartamento orribile del quale non paga regolarmente l'affitto senza però mancare di rubare cibo e soldi ai suoi coinquilini, il tutto mentre Beth vive una vita da sogno in una splendida villa a Taormina, moglie del ricco ed affascinante Ambrogio e vestita di abiti firmati da capo a piedi.
Quando Alvina viene licenziata e, più o meno in contemporanea, invitata a raggiungere Beth a Taormina, i giochi sono fatti: la ragazza si presenta al cognato venuto a prenderla ubriaca e vestita di abiti non suoi rubati da una valigia al ritiro bagagli (per non smentirsi mai), ed è pronta a godersi la sua vacanza nel lusso e nello sfarzo.
Ovviamente, nulla va come aveva immaginato: la vita da sogno di Beth è ricca di ombre e segreti, e quando la sorella le chiede - supplicandola, addirittura - di "prendere il suo posto" per qualche ora, mette in moto una catena di eventi impossibile da arrestare.
L'irrequieta, ma alquanto sprovveduta . Alvina si trova catturata in una rete di bugie, di inganni, di fughe non riuscite e di relazioni clandestine dalla quale sembra impossibile riuscire a scappare...

Una premessa necessaria: uno dei punti di forza di "MAD. Nessun limite" è la voce arrogante, sfrontata, assolutamente fastidiosa di Alvina, protagonista assoluta.
Alvina è trasandata, antipatica, pigra, presuntuosa e sicuramente non una protagonista con la quale scatta l'immedesimazione immediata: nessuno vorrebbe essere come lei.
Eppure, è impossibile non farsi catturare quanto lei dalla catena folle di eventi che la vedono protagonista in quella che doveva essere solo una vacanza.
Un attimo prima Alvina sta girando per il giardino, soddisfatta dei suoi nuovi sandali dorati firmati ottenuti dalla sorella in cambio di aver preso il suo posto per qualche ora, e nell'arco di 48 ore si trova a dover gestire cadaveri da nascondere alla polizia, uno scultore focoso con il quale la sorella a quanto pare non si limitava a parlare di arte, una casa che non sembra più un castello ma una prigione dorata.
Quello che era un romanzo dall'insolita voce narrante si tinge di rosso sangue, e il profumo della vendetta copre quello dei limoni e del sensualie "Armani Black Code" del cognato, uomo ambiguo quanto affascinante.
Se le prime cinquanta pagine non sono, ahimè, le più scorrevoli, non demordete: dall'arrivo di Alvina a Taormina, il romanzo di Chloé Esposito diventa impossibile da mettere giù.
Così come diventa impossibile non associarne lo svolgimento a quella che è stata più volte definita "la banalità del male".
È facile uccidere qualcuno?
La prima volta, sì: il nostro stesso istinto di conservazione della specie ci rende molto difficile uccidere un nostro simile a mente lucida.
E uccidere una seconda volta, e una terza? Diventa più facile?
La risposta di Chloé Esposito è un sì, un sì deciso: anche l'azione più spregevole, se ripetuta, diventa semplice.
Diventa qualcosa che la nostra mente riesce a razionalizzare.
Alvina non è una criminale, quando la incontriamo la prima volta: è solo una ragazza priva di obbiettivi e di voglia di fare.
Ma quando ci congediamo da lei voltando l'ultima pagina di "MAD. Nessun limite", è una persona diversa. È una persona capace di uccidere, di mentire davvero (e non solo per uscire prima dall'ufficio), di guardare il suo riflesso allo specchio e reggere il peso di ogni sua azione e ogni sua parola. Alvina ha un'anima oscura, ed incredibilmente affascinante.

"MAD. Nessun limite" è un romanzo peculiare e unico nel suo genere, che si muove sul filo che separa la fiction dal crime, senza accettare nessuna ettichetta e stupendo il lettore con continui colpi di scena e rivelazioni.
Consigliatissimo se vi piace uscire dagli schemi, se cercate qualcosa di diverso e se trovate la prospettiva di una protagonista oscura, e per nulla gradevole, molto interessante.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

lunedì 14 agosto 2017

"Colazione in riva al mare" di Ali McNamara

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Colazione in riva al mare" di Ali McNamara, edito Newton Compton (rilegato a 10€):
Il sole splende sulla piccola e tranquilla località di mare di Sandybridge: accoglienti negozi di souvenir, una sala da tè e un favoloso fish and chips. È il posto dove Grace è cresciuta, anche se al momento non ne è troppo contenta. Finché è rimasta a Sandybridge, ha aiutato i suoi genitori a scovare dei tesori vintage per il loro negozio d’antiquariato, ma il suo desiderio è sempre stato quello di poter girare il mondo. E a un certo punto lo ha fatto: ha cominciato a viaggiare per lavoro, si è innamorata, ha costruito una famiglia. Allora perché si trova di nuovo in quella cittadina sul mare, che si era lasciata alle spalle, e a rivedere Charlie, il suo migliore amico quando era adolescente? Forse viaggiare in giro per il mondo non era quello di cui Grace aveva veramente bisogno. Forse quello che cercava è sempre stato a portata di mano... 

Non è estate senza un romanzo di Ali McNamara: l'anno scorso ero in spiaggia, immersa tra le pagine di "Il piccolo negozio di fiori in riva al mare" (trovate ancora la recensione qui), e quest'anno è toccato a questo.
Ma due parole sulla copertina: è semplicemente ADORABILE.
Mi piacerebbe vederne di più realizzate in questo modo, e meno con le foto cheap perchè chi non vorrebbe esporre in libreria qualcosa di così carino?
Bellina davvero!

Ma veniamo a noi, e al contenuto del libro ;)
Anche stavolta, Ali McNamara fa una piccola magia con un romanzo dolce, divertente e che fa sentire bene, raccontando l'amore e l'amicizia come solo lei sa fare.
Complice una partita di calcio che nessuno dei due era ansioso di guardare e una macchina da scrivere "magica", Grace e Charlie si incontrano nel 1986 e diventano ben presto grandi amici.
Anzi, i migliori amici che si possa immaginare, al punto che tutti, attorno a loro, sembrano chiedersi come mai i due non stiano insieme.
Ma nel loro destino c'è molto di più, ed è proprio Remy, la curiosa macchina da scrivere scovata da Grace durante uno sgombero e apparentemente in grado di scriverle da sola delle lettere che le consigliano come agire in quelle che, col senno di poi, si rivelanos emrpe essere situazioni-chiave, a determinare motlo di ciò che accade loro.

Una lite tra Grace e Charlie si conclude con un brutto incidente per il ragazzo, la richiesta di impedire una disgrazia si traduce in una paralisi a entrambe le gambe per Danny, primo amore della ragazza e poi grande amico negli anni  seguire, e Grace inzia a dubitare del potere di Remy.
Insomma, ogni suo messaggio fa accadere qualcosa di brutto a qualcuno che ama.
La macchina da scrivere le fa persino sposare l'uomo sbagliato!
E invece, gli anni passano, ed è sempre più chiaro come ognuno di quei messaggi, firmati da un misterioso (o una misteriosa) "Io x", servivano a portarla là dove era giusto che fosse oggi, a trent'anni di distanza da quel ritrovamento.
Davanti all'uomo che ama davvero, che ama da quando era ragazzina, e che come lei doveva trovare la sua strada prima di poterle dire davvero di sì.

Ancora una volta un cast di personaggi strepitoso, da Charlie - sostanzialmente migliore amico del mondo e Fidanzato di Carta con i controfiocchi anche senza esserlo - a Danny - adorabile e sfrontato seduttore, che nemmeno un brusco cambio di rotta in quella che sembrava una vita già scritta riesce a fermare, passando per la nonna sforna-torte e per lei, Grace, che è una di noi fino in fondo.
È una di noi perchè è una 44 nei giorni buoni e una 46 in quelli che grazie, ma no grazie.
È una di noi perchè il cioccolato costituisce l'alimento chiave della sua alimentazione.
È una di noi perchè casca anche lei nel tranello del profumo "seducente", per poi scoprire che no, non sedurrebbe nessuno, ma al contrario provocherebbe a chiunque una fortissima emicrania.
Ma soprattutto è una di noi perchè impara da ogni errore, da ogni fraintendimento, da ogni frase detta senza pensare e da ogni "mi dispiace".

Un romanzo perfetto da infilare in borsa in vacanza e, perchè no, da gustare al rientro per continuare  a passeggiare sulla spiaggia e a sognare di vivere in un faro - perchè sì, Ali McNamara non ci fa mancare nulla e in questo romanzo c'è anche un romanticissimo faro in disuso pronto a essere rimesso a nuovo, e chi non ha mai sognato di vivere con una tale vista sul mare?
Consigliatissimo!

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3