venerdì 29 luglio 2016

July Favorites/ I preferiti di Luglio (random edition)

Buon pomeriggio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
Siamo alla fine di Luglio, ed è tempo di parlare di preferiti del mese.
Vi ho già proposto quelli cosmetici, ma ora tocca a quelli random:
Partiamo subito dagli occhiali da sole che, nonostante io ne possieda una ventina di paia, ho finito per indossare per quasi tutto il mese: sono di Emilio Pucci, scovati in un outlet per puro caso tre anni fa, e ne adoro le lenti sfumate e il dettagliod ella montatura nella tipica stampa dello stilista:
Non li avrei mai acquistati a prezzo pieno, ma devo ammettere che dopo tre anni di strapazzi sembrano ancora come nuovi quindi la qualità era davvero buona.
Questa l'ho scovata all'Esselunga e pagata circa 6€, ed è una tovaglietta da colazione rigida in sughero con una stampa lucida lavabile con la spugna.
L'ho presa per quando voglio bere il tè a letto senza finire per inzuppare il materasso, e perchè ho pensato che potesse creare contrasto nelle foto per variare un po'.
Le stampe erano orribili ed in colori davvero bruttarelli, scovarne una che fosse accettabile è stata dura XD
Questo mese ho letto tantissimi bei libri, complici le numerose uscite di Luglio e qualche recupero.
Ho avuto la possibilità di leggere tre romanzi editi da Chrysalide che aevo lasciato indietro, e hanno catapulttao il marchio editoriale nei preferiti del mese perchè quando uno pensa a Chrysalide si finisce per parlare di paranormal, qualcosa di fantasy e al massimo i libri di gayle Forman.
Invece pubblicano anche romanzi molto singolari e non commerciali, come questi tre che non mi stancherò più di consigliare: "Brucio" di Christian Frascella, "Fan della vita impossibile" di Kate Scelsa e "Girano le stelle" di Darcy Woods.
Lo so, tecnicamente questi dovrebbero rientrare tra i preferiti di cosmesi.
Ma visto che sono gadget tecnologici li ho inseriti qui: a Luglio ho infatti imparato a fare manicure e pedicure utilizzando i gadget di Dr Scholl's, marchio che non è più solo quello delle brutte ciabatte da infermiera ma che è entrato a pieno diritto nel mondo della cosmesi con una linea di prodotti e accessori per la cura delle estremità di ottima qualità, oltre che dal prezzo accessibile.
Quello a sinistra è "Velvet Soft" (39,90€), perfetto per levigare le estremità rimuovendo secchezza e cellule morte, quello a sinistra è "Velvet Smooth" (29,90€), per limare, levigare e lucidare le unghie prima di passare agli smalti. Facilissimi da usare, non troppo costosi, ottima resa: praticamente perfetti.
Tra i preferiti vado anche a inserire la lettura delle riviste femminili, che avevo abbandonato per mancanza di tempo ma che mi mancava: non sono una fanatica di moda, ma ultimamente ho abbastanza trascurato il mio guardaroba e dopo l'estate vorrei affrontare l'autunno con uno spirito differente quindi mi sto "documentando" per mettere insieme qualcosa di carino.
Ho anche scovato un'app gratuita per colorare, questo mese, Colorfy: mi ci sono divertita qualche volta mentre aspettavo treni in ritardo o avevo bisogno di staccare un secondo la spina, e quindi ve la segnalo.
Infine, finalmente a Luglio ho recuperato la visione di "Sopravvissuto - The Martian": ho fatto benissimo ad aspettarne l'arrivo su Sky, visto che le scene meritevoli del grande schermo non sono poi così tante, ma mi è piaciuto molto e potrei anche rivederlo visto che ora lo replicheranno spesso.
Non è l'unico film recuperato ma è sicuramente quello che aveva la priorità ;)

E anche questo mese è andato!
Con il prossimo arriva qualche giorno di vacanza anche per il blog, in modo da ripartire con entusiasmo alla fine del mese con nuove uscite e iniziative interessanti.
Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

Anteprima: "Guida non ufficiale a Pokemon GO" (edito Vallardi)

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata all'anteprima di "Guida non ufficiale a Pokemon GO", edito da Antonio Vallardi Editore e in uscita a Settembre (data da definire):
La prima guida non ufficiale a Pokémon GO, un manuale completo con tutti (ma proprio tutti) i segreti, i trucchi e i suggerimenti della app di cui tutti parlano e che ha conquistato appassionati di ogni età diventando rapidamente un fenomeno pop e trasversale. Essenziale per chi vuole iniziare e indispensabile per chi vuole diventare un campione.
Desiderate sapere come trovare e catturare anche i Pokémon più rari?
Volete raggiungere i livelli più alti nel minor tempo possibile?
Cercate consigli su dove esplorare i Pokéstop in giro per il mondo e conquistare le migliori Palestre?
Non sapete come guadagnare un sacco di Pokémonete senza spendere un Euro?
Vi chiedete come allenare i Pokémon giusti e vincere tutti gli scontri?
Avete voglia di andare a caccia di Pokémon senza scaricare il cellulare?
In questo libro troverete tutte le risposte alle vostre domande e tante curiosità divertenti sul mondo dei Pokémon e su Pokémon GO.

Lo ammetto, io a Pokemon GO non ho ancora giocato, ma in ferie ci proverò ;)

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

"Figlie sagge" di Angela Carter

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicato a "Figlie sagge" di Angela Carter, edito da Fazi Editore (brossurato a 18€):
È il 23 aprile – data di nascita di Shakespeare – e le gemelle Dora e Nora, attrici e ballerine di seconda categoria, si apprestano a festeggiare i loro settantacinque anni. Suonano alla porta: su un cartoncino bianco arriva l’invito alla festa del padre, il celebre attore Melchior Hazard, che nello stesso giorno di anni ne compie cento, e che di riconoscerle non ne ha mai voluto sapere. C’è da decidere cosa indossare!
Così si apre "Figlie sagge", la storia di due donne libere ed eternamente giovani che, nate nel lato sbagliato della città, quello più misero, sono sempre state attratte dal bagliore del mondo dello spettacolo. Dall’infanzia anticonvenzionale, alla strampalata carriera, fino ai vibranti settant’anni, la vita delle due gemelle è un susseguirsi di episodi grotteschi: fra identità scambiate, fidanzati presi in prestito, spettacoli improvvisati e feste che culminano in incendi, quello di Dora e Nora è un mondo dove le regole non sono ammesse e la spregiudicatezza regna sovrana. Un mondo popolato di personaggi improbabili, con l’ingombrante presenza di una bizzarra famiglia allargata: una compagine di teatranti dalle alterne fortune, in cui le coppie di gemelli si moltiplicano in maniera inestricabile e spesso incestuosa. 
Un romanzo dalle mille sfaccettature: un libro intriso di grande letteratura, di amore per l’arte e di un senso dell’umorismo pungente, un’ardita provocazione contro il tabù sessuale e la distinzione fra legittimo e illegittimo, ma soprattutto un inno alla spensieratezza, al piacere, alla gioia di vivere.

Questo romanzo è apparso quest'anno nel contesto della meritevole iniziativa di Fazi Editore, che sta ripubblicando con nuove traduzioni alcuni importanti romanzi della letteratura anglosassone del diciannovesimo e ventesimo secolo, ingiustamente scomparsi per decenni dalle librerie: è il caso, ad esempio, di “Shirley”, “Villette” e “Il professore” di Charlotte Brontë, oppure de “La pietra di Luna”, “Armadale” e “La donna in bianco” di Wilkie Collins.
Il nome di Angela Carter era molto noto nel mondo culturale inglese: è stata una grande giornalista, un’attivista per i diritti delle donne e ha scritto opere di vario genere, tra cui romanzi erotici e di fantascienza, drammi teatrali e sceneggiature cinematografiche.
“Figlie sagge” è stato il suo ultimo romanzo, pubblicato per la prima volta nel 1991, pochi mesi prima della sua morte prematura, ed è considerato un capolavoro del “realismo magico”: raccontare una storia realistica, ma inserendovi elementi fantastici in modo tale che appaiano del tutto plausibili agli occhi del lettore.

«D. Perché Londra e Budapest sono uguali?
R. Perché un fiume le divide in due città.
Buongiorno! Lasciate che mi presenti. 
Mi chiamo Dora Chance. 
Benvenuti nel lato sbagliato della città.»

Così esordisce Dora, la vivacissima voce narrante del romanzo.
È il giorno del suo settantacinquesimo compleanno, che Dora si appresta a festeggiare con la sorella gemella Nora, con cui ha formato per decenni una celebre coppia di ballerine del varietà, le Gemelle Chance. Ma è anche il 23 aprile, giorno natale di Shakespeare e di Melchior Hazard, icona del teatro inglese e grande interprete shakespeariano, che oggi compie cento anni.
Dora e Nora sono invitate alla grande festa di compleanno che si terrà quella sera nella sontuosa dimora dell’attore, che si trova nel lato giusto di Londra, quella dove loro non sono mai riuscite ad approdare. Per inciso, Melchior è il loro padre naturale, anche se non le ha mai riconosciute, lasciandole crescere con la nonna materna Chance dopo che la giovane madre è morta dandole alla luce.

Il romanzo si svolge durante questa curiosa giornata di compleanno, nel corso della quale, in attesa di recarsi alla festa del padre, Dora ci racconta la sua vita curiosa e un po’ strampalata, vissuta sempre in coppia con Nora tra palcoscenici, balli e canzoni, trasferte nella ruggente Hollywood degli anni Trenta e svariati amori, seguendo da lontano l’esistenza altrettanto turbolenta, anche se su un piano diverso, di Melchior, dedito non solo a Shakespeare, ma anche a collezionare mogli e figli.
Altri personaggi importanti emergono dal racconto di Dora, che con frequenti stacchi temporali ricostruisce l’ascesa della famiglia Hazard, come lo zio Peregrine, fratello gemello di Melchior, o la fantastica nonna Chance, grande maestra di vita. Moltissimi sono anche i riferimenti al teatro di Shakespeare, a partire dal tema ricorrente dei gemelli, che ricorda “La dodicesima notte”, e continuando con le ossessioni di  Melchior per alcuni ruoli che ha interpretato, o non è riuscito a interpretare, nel corso della sua lunga carriera teatrale.

Della storia non si può dire altro, perché il racconto di Dora è un flusso vivace, anche se un po’ discontinuo, nel suo continuo passare dalle rievocazioni di un passato lontano alle riflessioni sul presente, mentre moltissimi personaggi secondari ruotano attorno alle due protagoniste  (Utilissimo il riepilogo di nomi e ruoli posto alla fine del libro, nel caso si perda un po’ il filo). Lo zio Peregrine, grande giramondo pieno di risorse, ma al tempo stesso premuroso padre putativo di Dora e Nora, è senz’altro il mio personaggio preferito.

Tutto il romanzo può costituire una lettura molto piacevole, a patto di lasciarsi abbandonare al ritmo un po’ folle della vita avventurosa delle fantastiche gemelle Chance: non  è consigliato a chi cerca il realismo totale, e neppure a chi ama le storie d’amore ultraromantiche, perché Dora e Nora si comportano con gli uomini in modo ben poco convenzionale.
Per loro, in definitiva, una sola cosa è davvero importante: «Che gioia ballare e cantare!»

Un romanzo dal fascino d'altri tempi ma, allo stesso tempo, straordinariamente moderno: se siete in cerca di qualcosa di singolare e accattivante per l'estate, fateci un pensierino ;)

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3