mercoledì 4 gennaio 2017

"Tienimi" di Maya Banks

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Tienimi" di Maya Banks, edito HarperCollins Italia (brossurato a 14,90€) in uscita il 19 Gennaio:
Abbandonata da bambina e adottata da una ricca coppia, Arial non conosce il proprio passato e non sa chi siano i suoi veri genitori. Una cosa la rende diversa da tutti quelli che conosce: sa spostare gli oggetti con la forza del pensiero, un dono che la sua famiglia ha sempre tenuto gelosamente nascosto e che l'ha costretta a vivere in un mondo dorato ma solitario. Finché qualcuno non minaccia la sua esistenza.
Beau Devereaux non ha pregiudizi nei confronti di ciò che è diverso e in qualità di capo della Devereaux Security ha già avuto a che fare con persone dotate di poteri paranormali. Così, quando un amico gli chiede di proteggere la figlia non ha difficoltà ad accettare l'incarico. Ciò a cui non è preparato è l'intensa attrazione che esercita su di lui quella bellissima cliente. In un batter d'occhio, quello che è iniziato come un lavoro si trasforma in qualcosa di molto più personale, e Beau si rende conto che per proteggere Arial sarebbe disposto a tutto. Anche a mettere a repentaglio la propria vita.

Il secondo volume della serie Slowburn arriva a pochi mesi di distanza dal primo, e io ero molto curiosa di scoprire a quali personaggi sarebbe stato dedicato.
Per chi fosse curioso riguardo il collegamento tra i volumi, eccolo: Beau Devereaux è il fratello di Caleb, che avevamo conosciuto proprio in "Proteggimi". Nelle prime 40/50 pagine del volume apprendiamo che lui e Ramie sono ancora insieme, ma che la donna è diventata molto restia ad utilizzare i suoi poteri di sensitiva per via di tutto ciò che è stata costretta a vedere.

Ma veniamo ai nostri Beau e, soprattutto, Arial.
Arial viene abbandonata sulla soglia della bella dimora di Gavin e Ginger quando la coppia è disperata: ogni loro tentativo di avere un figlio sembra destinato a fallire, e l'uomo è affranto ogni volta che pensa al dolore dal quale non riesce a proteggere sua moglie.
Poi quel fagottino caldo e morbido, con solo un biglietto di accompagnamento, viene lasciato proprio nel loro giardino, ed è questione di un attimo.
Gavin da subito non bada a spese per proteggere sua moglie e quella che ormai è la loro bimba, anche se farlo diventa assai più complicato quando la piccola dimostra di avere il potere della telecinesi scagliando pupazzi e biberon in giro per la stanza.
L'autrice ha saputo rendere appieno l'amore sconfinato che un genitore prova per sua figlia, e quello che lega un marito a sua moglie: Gavin e Ginger sono ancora innamorati come il primo giorno, e i loro dialoghi e gesti di tenerezza reciproca sono molto, molto dolci.

Stacco a una ventina di anni dopo, e Arial è una giovane insegnante che ha imparato a vivere tenendo nascosto a tutti il suo potere. È una bellissima giovane donna, che all'improvviso si trova a ricorrere al suo dono per difendersi da un'aggressione, finendo sui telegiornali e online come notizia del giorno.
Braccata dai media e da chi vorrebbe imprigionarla per chissà quali loschi scopi, allontanata dai suoi genitori, ad Arial non resta che cercare rifugio proprio alla Devereaux Security.
E qui conosce Beau...
Beau mi è piaciuto da subito: la sua capacità di ragionare in fretta, di vagliare ogni opzione, di fare letteralmente da scudo tra Arial e un mondo che la vorrebbe distrutta mi hanno conquistata.
Tra i due nasce una forte attrazione che si accompagna a un sentimento profondo, e ne ho seguita l'evoluzione con tantissima curiosità.

Maya Banks non delude i suoi lettori più affezionati quando si tratta di creare la giusta atmosfera e permettere ai suoi protagonisti di lasciarsi andare alla passione più sfrenata, ma è anche in grado di sostenere una narrazione dal ritmo incalzante, scandito da scontri, inseguimenti e rivelazioni.
Mi sento di consigliarlo anche a chi fosse abbastanza restio all'idea di leggere un romanzo erotico, perchè la componente passionale della storia è davvero minima, seppur molto ben scritta.
La storia di Beau ed Ari è quella di un'avventura rocambolesca tra realtà e paranormale, condito da una spruzzata di pepe e un pizzico di romanticismo.
Romanticismo che non diventa mai stucchevole, e che anzi è spesso stemperato da qualche situazione o frase divertente. Persino nel finale, e non dico altro!
Ammetto che ho affrontato la lettura di questa serie con un briciolo di timore, ma mi sono dovuta ricredere: già aspetto il terzo volume ;)

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

1 commento :

  1. Quest'autrice mi manca! Magari nel 2000 e poi recupero anche lei :-P

    RispondiElimina