lunedì 24 agosto 2015

"Il trono di ghiaccio" di Sarah J. Maas

Buongiorno a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
La chiacchiera librosa di oggi è dedicata a "Il trono di ghiaccio" di Sarah J. Maas, edito da Mondadori (rilegato a 17):
Nessuno esce vivo dalle miniere di Endovier. Celaena, la migliore assassina nel regno di Adarlan, è lì rinchiusa da un anno e quando le offrono la possibilità di diventare sicario di corte, non esita neppure un istante ad accettare. Ma la lotta è appena all'inizio: Celaena deve affrontare ventitré contendenti. Se vincerà, diventerà la paladina del re e dopo quattro anni di servizio sarà libera. Il Principe Ereditario è il suo maggiore alleato. Il Capitano delie Guardie la protegge. Entrambi la amano. Ma l'amore e il talento non bastano per vincere. Nel castello un pericolo insidioso è in agguato, e ben presto Celaena capisce che le persone di cui fidarsi sono sempre meno...

Mi sono fatta convincere dalle migliaia di foto (con commento entusiasta) che mi hanno perseguitata su Instagram da quando ho l'account, e ho ceduto ai bellissimi rilegati americani di questa serie fantasy young-adult scritta da Sarah j. Maas.
In italiano arriverà nel 2016 il terzo volume, mentre in America è in uscita a giorni il quarto.
Salgo sul treno degli amanti della serie, ragazzi, perché "Il trono di ghiaccio" mi è piaciuto TANTO.
Partiamo dal fatto che quasi tutto di questo libro è anomalo.
Tanto per cominciare la nostra eroina è la cattiva.
Sì, perché non giriamoci intorno: Celaena Sardothien è un'assassina sanguinaria. Anzi, la peggiore (o migliore, a seconda dei punti di vista) assassina del regno.
E da un anno è prigioniera, costretta a lavorare nelle miniere di Endovier, alle cui durissime condizioni di sfruttamento nessuno sopravvive più di qualche mese.
Quindi abbiamo una protagonista tosta nel vero senso della parola.
Si trova prelevata e portata a corte da quelli che saranno poi i due protagonisti maschili principali del romanzo: Dorian, il principe Ereditario, e Chaol, il capitano delle Guardie.
Se il primo sembra divertito dall'irriverenza della ragazza e dal suo continuo attaccarlo verbalmente (a volte anche quando non sarebbe proprio il caso), Chaol sembra invece trattenersi a stento dallo stenderla con un gancio destro. E a ragione.

Dorian la vuole come sua concorrente in quella che si preannuncia come una gara spietata e sanguinaria, dove i peggiori assassini si sfideranno per vincere l'incarico di assassino personale del Re, e qui ovviamente mi è subito partito il riferimento agli Hunger Games.
Ammetto che questo è l'unico cliché del romanzo, ma il tema della gara è stato sviluppato in modo talmente a sé stante che sono riuscita a godermi il romanzo senza ulteriori sensi di déjà-vu.
Padronanza della spada, lancio dei pugnali, tiro con l'arco, esperienza con i veleni: ogni prova testa una delle doti proprie di quello che dovrebbe essere il migliore assassino del regno intero: il tutto arricchito da morti a ripetizione dei concorrenti, sia durante le prove, sia in circostanze misteriose che spaventano sempre di più Celaena e gli altri partecipanti.
Inganni, tradimenti, strani simboli che appaiono accanto ai corpi delle vittime, fantasmi...
Non manca nulla, per rendere emozionante ed avvincente questa lettura.

C'era un unico punto in cui la Maas rischiava di perdermi per strada, ed è il triangolo Dorian-Celaena-Chaol. Ma ho apprezzato come il rapporto tra i personaggi è stato sviluppato, e credo che siano state evitate le banalità peggiori.
Non troverete frasi come "lo amo, ma amo di più te" o altre assurdità, per intenderci.
Nonostante anche Celaena abbia i suoi momenti di incertezza, la parola "amore" non è mai usata con leggerezza, e questo è sicuramente apprezzabile.

Celaena è una delle mie protagoniste preferite degli ultimi tempi, in assoluto.
Spesso antipatica, arrabbiata come una biscia, e in grado di farci tifare per lei nonostante, sostanzialmente, quello per cui tifiamo sia farla diventare di nuovo un'assassina.
Sarah J. Maas ha creato un mondo oscuro, denso di magia antica ancora nell'aria e di magia recente andata misteriosamente perduta, in cui la protagonista è sì un'assassina, ma in cui alcuni dei buoni sono molto più pericolosi di lei.
E in cui Chaol, l'emblema personificato della lealtà e dell'onore, si trova a sentirsi sempre più strattonato tra due inclinazioni apparentemente contrastanti: vedere Celaena come un mostro, e provare un sempre crescente istinto a proteggerla.
Un conflitto interiore che lo segnerà nel profondo, e che cambierà radicalmente il suo modo di vedere chi gli sta intorno, non solo Celaena.

Un applauso anche alle descrizioni, al mondo fantastico e alle atmosfere che la Maas è riuscita a creare, che mi hanno catturata e tenuta inchiodata alle pagine per tre sere di fila.
Sto già leggendo il secondo, e poi passerò subito al terzo.

Consigliatissimo se ancora non l'avete letto, soprattutto ora che è confermato l'arrivo del terzo volume; se amate i protagonisti non esattamente buoni e angelici, e se vi fa sorridere l'idea di tifare per una criminale tra le peggiori; se siete donne e non vedevate l'ora di trovare un'eroina combattiva e agguerrita come poche che poi soccombe ai crampi mestruali (ebbene, sì). Io le ho dato un punto in più solo per quello: solidarietà, sorella.

Un bacio a tutte, fanciulle (e fanciulli)!
A presto <3

7 commenti :

  1. Yeeee!! Benvenuta nel club ;-) Non vedo l'ora che esca il terzo volume, lo aspetto da più di 1 anno!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che nel 2016 arriva!!!
      Io per disperazione li ho presi in inglese ma avevo firmato per solidarietà le petizioni online perché ODIO quando le CE lasciano le serie a metà :-/

      Elimina
  2. Avevo adocchiato dal tuo IG quel libro e mi ispirava già.....ma a vedere la cover italiana, che avevo già visto ma che non mi diceva nulla: O.O Shock!!!!
    Sembrano due libri TOTALMENTE diversi!
    Meno male che mi hai incuriosito, altrimenti sarebbe passata nel dimenticatoio anche questa saga.....orrenda orrenda orrenda trasposizione in italiano >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cover americane sono SPLENDIDE, e ritraggono Celaena esattamente com'è descritta nei romanzi! Diciamo che con quelle italiane se la sono voluta fare semplice: fondo nero, titolo in mezzo e via XD
      Ma ammetto che anche a me sono servite quelle originali per notare la serie, per poi scoprire che i primi due erano usciti anche qui.
      Non so...
      Però la serie è bella, e per fortuna non interrotta!

      Elimina
  3. Ho letto "Throne of Glass" un pò di tempo fa e l'ho assolutamente adorato. Celaena è un personaggio che ammiro profondamente, e non è l'unica! Mi piacciono tantissimo anche i personaggi secondari e, per questo motivo, non capisco perchè ancora non mi decida a leggere "Crown of Midnight". E' una cosa assurda, continuo a rimandarne la lettura.
    Cooomunque, sono d'accordissimo con la tua recensione.
    Un bacio! :)

    RispondiElimina
  4. E aggiungiamo anche questa serie.... :) <3

    RispondiElimina
  5. mi hai convinto! se non lo trovo in scambio lo compro =)

    RispondiElimina