lunedì 2 febbraio 2015

Gennaio in libri: le mie letture del mese (preferiti, odiati etotalmente indifferenti)

Buongiorno fanciulle!
Il post di oggi include zero cosmesi e un sacco di pagine, cartacee e digitali.
Parliamo dei 15 libri che ho letto a Gennaio, e sopratutto di chi mi è piaciuto o mi ha fatto arrabbiare.
Ecco qui le mie schermate, direttamente da Goodreads:
Come sa chi usa il programma, si parte dal basso (ovvero il primo libro è sempre quello più in fondo), e io ho iniziato l'anno con Colleen Hoover e la sua duologia "Hopeless"/"Losing Hope".
Stessa storia, ma dai punti di vista prima di lei e poi di lui, quindi ovviamente diversi background e diversi retroscena, ed in "Losing Hope" trovate un epilogo spostato in avanti rispetto a quello di "Hopeless".
In italiano li trovate come "Le coincidenze dell'amore"/"Le sintonie dell'amore" e vi dirò, io con questi titoli non li avrei mai acquistati.
Invece sono romanzi molto intensi, che trattano tematiche forti come l'abuso di minore e il suicidio giovanile senza cadere in facili cliché.
La storia d'amore che si sviluppa all'interno del romanzo è molto profonda e non scontata, e sono molto contenta di aver seguito il consiglio di diverse ragazze americane su Instagram ed averli scaricati sul mio iPad2.

Jessica Sorensen è la regina degli amori tormentati, con le sue serie "The Secret" e "Le coincidenze", uscite anche da noi.
Finalmente è uscito "The Resolution of Callie & Kayden", l'ultimo volume (il sesto) della serie dedicata alle coincidenze, che ha come protagonisti Callie e Kayden (più Violet e Luke come coppia di supporto, in tre libri tutti loro).
Callie e Kayden hanno avuto il loro lieto fine, ma sinceramente ormai non ero più interessata: l'ho letto per amor di completezza, ma questa serie non mi ha presa assolutamente.

Delusione pazzesca per questo libro di Agnés-Martin Lugand, di cui amavo il titolo "La gente felice legge e beve caffè" ma che si è rivelato insulto e senza uno straccio di finale. Sembra che si sia stanca di scrivere, e non mi piace quando un libro mi lascia questa sensazione. Per fortuna preso in biblioteca.
Cassandra Clare con Magnus Bane è riuscita nell'intento di creare un personaggio ironico e leggero, ed allo stesso tempo emozionante e struggente.
Ho iniziato "Le cronache di Magnus Bane" a Dicembre, ma poi sono partita e ho dimenticato il libro a casa, riuscendo a finirlo solo a Gennaio.
Storie molto carine e ben costruite, che approfondiscono nuovi aspetti di tutti i personaggi che abbiamo imparato ad amare leggendo le serie "The Mortal Instruments" (da noi "Shadowhunters") e "The Infernal Devices" (da noi "Shadowhunters - Le origini").

Di "Lo straordinario mondo di Ava Lavender" di Leslye Walton ho caricato una review con tanto di citazioni e le prime quattro pagine del libro, quindi vi rimando a quella. Resta il libro preferito del mese, in assoluto.

Jen Campbell mi ha regalato un pomeriggio di sorrisi con il suo "More weird things customers say in bookshops", seguito del suo "Weird things customers say in bookshops" (da cui il "more" nel titolo).
Libretto scacciapensieri, pieno di situazioni paradossali che coinvolgono librai esterrefatti e clienti impossibili.

Non conoscevo Elisabeth Naughton, e ho acquistato "Aspettami" attirata dalla copertina.
Acquisto impulsivo azzimatissimo, perché questa storia ha tutto: passione, ma soprattutto azione, tensione, misteri e colpi di scena. L'ho letto in un giorno prendo anche la mia fermata di metropolitana, catturata dalle parole.
Ve lo consiglio se vi piace che oltre alla stria d'amore in un libro ci sia di più.
Per "Le affinità alchemiche" di Gaia Coltorti vi rimando alla sua review, ma ci tengo a dire anche qui che questo è il libro peggiore che ho letto nel mese.

Invece "I segreti di Coldtown" di Holly Black è un libro che mi ha sorpresa, perché avevo letto review contrastanti, e perché il primo terzo del libro è terribilmente lento e molto poco coinvolgente.
E poi, all'improvviso, la storia prende il ritmo, e cattura la tua attenzione, portandoti dopo diversi colpi di scena ad un finale non banale.
Nessun scontatissimo "tutti salvi, bacio e dissolvenza".
L'ho apprezzato parecchio.

Taylor Jenkins Reid, con "Tu, io e tutto il tempo del mondo" è riuscita a farmi piangere già al primo capitolo, e personalmente non l'ho trovato un libro che fa per me.
Triste, malinconico, e con un finale che, benché lo spaccino per tale, mi rifiuto di considerare "lieto".

Torniamo a Jessica Sorensen, e stavolta è la serie "The Secret" perché "The Prelude of Ella & Micha" è una novella prequel della serie. E' appena uscita in italiano, in un volume che raccoglie questa ed un'altra novella che invece vuole essere un epilogo della serie.
Carina, ma abbastanza inutile. Non dice granché di nuovo, non approfondisce quanto altri autori hanno fanno con le loro novelle aggiuntive, e si può anche non leggere senza soffrire particolarmente.
Continuo ad apprezzare la coppia "Ella e Micha", ma credo anche che andando a stiracchiare sempre di più queste storie alla fine le si impoverisce.

Andy Miller ha passato la vita a mentire sui libri da lui letti (e prima che lo troviate assurdo, specifico che lavora nell'ambiente editoriale), bluffando come pochi.
Poi decide che forse potrebbe anche leggerli, quei libri, e "The Year of Reading Dangerously" è un memoir del suo anno da lettore: cosa gli piace, cosa non gli piace, cosa abbandona e cosa consiglia.
Mi è piaciuto molto, e mi ha fatto aggiungere qualche titolo alla mia wishlist.

Piemme ha portato in Italia l'ultimo libro di Becca Fitzpatrick, autrice della saga aperta da "Hush, Hush", in italiano uscita per intero a partire da "Il bacio dell'angelo caduto".
A Gennaio ho letto "Black Ice", ed è stata una sorpresa.
Mi aspettavo l'ennesimo romanzetto young adult, ed invece è un thriller pieno di mistero, ambientato tra le montagne investite da una tempesta di neve fuori stagione (questo libro vi fa passare la voglia di fare escursioni, io ve lo dico).
Ha un finale rosa, ma non troppo, e stavolta ero davvero avanti prima di capire chi fosse il vero cattivo della storia, quindi posso dire che mi ha quasi presa di sorpresa.
Una volta tanto è un romanzo stand-alone, quindi non vi tocca comprare n-libri per vedere come va a finire. Ve lo consiglio :)

Ed infine, proprio una serie.
Ma è una trilogia già tradotta per intero, e che sto leggendo in italiano (non fatevi sviare dai titoli in inglese, io ho l'edizione di Serling & Kupfer).
Jessica Spotswood ci porta indietro, e ci porta in un New England che vive sotto il regime oppressivo e misogino dei Fratelli (pensate ad una sorta di confraternita religiosa) dopo la cacciata e la soppressione delle streghe.
Le sorelle Cahill, protagoniste della trilogia di cui "Wicked" è il primo volume, sono tre streghe molto potenti, e potrebbero essere le streghe indicate da una profezia come coloro che riporteranno le streghe al potere.
Una storia piena di colpi di scena e stravolgimenti, e anche se il primo libro ha la partenza un po' lenta una volta superate le prime 50 pagine si legge d'un fiato.
Io sono al 70% circa del secondo volume, "Cursed", e mi piace molto.
Nel caso foste interessate, il terzo si chiama "Fated" :)

Eccoci alla fine!
Voi avete scoperto qualcosa di bello a Gennaio?

8 commenti :

  1. La gente felice legge e beve caffé mi intrigava per il titolo, perché non ti è piaciuto? Di cosa tratta?
    Hai letto tantissimo! Complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la storia di una donna depressa e incazzosa perchè ha perso marito e figlia, che finisce in una casa sperduta nella campagna irlandese per cercare di ripigliarsi. Ovviamente trova un nuovo ammmmooooore ma mi ha fatto girare le scatole perchè è la solita protagonista che quando poi è il momento di coronare im tanto sospirato ed agognato sogno d'ammmmmooooolre manda tutto all'aria! C'è un finale irrisoltissimo che mi ha indisposta parecchio :(

      Elimina
  2. bellissime letture!
    ti ho taggato in un post sul blog, spero ti faccia piacere ^-^ http://sweetyreviews.blogspot.it/2015/02/tag-la-mia-bio-wishlist-2015.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo subito a guardare!!! Grazie del tag!!! :)

      Elimina
  3. Quante belle letture! *_*
    Mi sono presa nota di un paio di titoli che spero di recuperare. :) Black Ice è piaciuto anche a me come libro, ma l'ho trovato leggermente prevedibile come thriller. Comunque mi ha convinto a leggere la serie "Il bacio dell'angelo". ^^" Tu l'hai letta? Baci e complimenti per il post! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho tutta la serie sull'iPad2 ma non l'ho ancora letta! Incuriosisce molto anche me, a volte vorrei la Giratempo solo per poter avere le ore di lettura in più! :D

      Elimina
  4. Adoro Colleen Hoover, Hopeless e Losing Hope sono due libri magnifici!
    I segreti di Coldtown mi è piaciuto molto, soprattutto perché, come fai notare tu, non è scontato. Sulla Sorensen dico solo una cosa: troppi troppi libri.Ne bastavano molti meno!
    Dopo questo post la mia wishlist si è allungata parecchio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male, credevo di essere l'unica a trovare stiracchiate le storie di Jessica Sorensen! So che crea queste storie intrise di dramma e tormenti, ma tra prequel, midquel e sequel direi che siamo a posto :D Colleen Hoover è stata una bella scoperta grazie a Instagram, ora leggerò "Ugly Love" e "Maybe Someday" che sembrano essere piaciuti a tutti <3

      Elimina